Totò Cuffaro lo lasciamo stare perché sta almeno scontando onestamente la sua pena di 7 anni a Rebibbia per favoreggiamento alla mafia, però Pierferdinando Casini non possiamo lasciarlo stare perché è stato lui a portare Cuffaro in Parlamento quando era già imputato per favoreggiamento mafioso e a riportarcelo poi addirittura quando  era stato già condannato in primo grado.