A tanti anni di distanza, la storia di Giuseppe Fava è una delle pochissime che ancora continuano ad affascinare i giovani e a dar loro un modello di giornalismo, di politica e di vita. Fu lui a smascherare i legami fra mafia e poteri economici e sociali; fu lui a considerare la lotta non come un semplice “lottare contro” ma anche e soprattutto come un “lottare per”. Non casualmente, nel primo numero dei Siciliani si parla dei cavalieri mafiosi (era già una rivoluzione, questo associare mafia e imprenditoria) ma anche, con pari importanza, di “donne siciliane” e di “amore”.

Amava profondamente la vita; la lotta contro i poteri disumani era per lui solo un mezzo per liberare profondamente quello che abbiamo dentro, per conquistare quella felicità e quella gioia che, pur contrastate e difficili, sono il lato più nobile della condizione umana. Su questa via ebbe intuizioni fortissime, ben più avanzate dell’intellettualità ufficiale che lo circondava e che lui abbandonò coscientemente per affidare tutte le sue chances a noi ragazzi. Non c’è che Pasolini, nella cultura italiana, ad essergli paragonabile per radicalità e umanità di pensiero; ma, molto più di Pasolini, egli fu un militante.

Moltissimo resta ancora da scoprire, della sua profondità e poesia, ai futuri studiosi; a noi che l’abbiamo conosciuto resta la felicità dei ricordi e il dovere di trasmetterne il più possibile – come facciamo da sempre, e non senza risultato – ai giovani che via via si affacciano.

Spessissimo il “suo” giornale, I Siciliani, cambia di nome; eppure, in un quarto di secolo, ritorna ancora. Siamo già alla quinta generazione (la mia, quella dei SicilianiGiovani, quella di Avvenimenti, l’Alba e dei Siciliani Nuovi del ’93, quella dei primi anni del nuovo secolo, e questa) di ragazze e ragazzi che incontrano, immediatamente comprendono e, ognuno alla sua maniera, ricostruiscono il mondo di Giuseppe Fava. Pochissimi intellettuali hanno avuto tanta ventura: di fronte alla quale decisamente sbiadiscono la mediocrità e l’assenza della cultura e della politica “ufficiali”.

* * *

Non so come avete passato il Capodanno. Di noi, meglio di tutti uno dei nostri redattori migliori, uno dei più giovani “allora” ma oramai uno dei veterani: ha trovato un posto di cameriere precario per Capodanno e l’ha passato così, servendo a tavola, con pochi auguri di fretta via sms – c’era da lavorare. Nè il giornalismo l’antimafia ti aiutano a sistemarti, a vivere come quelli perbene. E anche questa è la strada di Pippo Fava, che si vendette la casa per I Siciliani.

Ne valeva la pena? Io ritengo di sì. E’ bella la nostra vita, con tutti i suoi dolori e le pene, quando la stai vivendo per qualcosa. E quale premio e che gloria, per Giuseppe Fava, aver saputo suscitare, in così tanti anni, tanta fedeltà! Nessun altro, o pochissimi, ha mai avuto altrettanto.

Così, buon anno a tutti, amici miei. Vogliamoci bene a vicenda, lavoriamo insieme, guardiamo avanti, aiutiamoci. E comincia un altr’anno de I Siciliani.

Per conoscere meglio Riccardo Orioles visita Ucuntu.org