Guerra Russia-Ucraina, la diretta – Dopo i primi negoziati, nuovi raid su Kiev. Zelensky: “Colloqui mentre ci bombardavano”. Mosca all’Ue: “Dura risposta per suo coinvolgimento”

Terminato il primo vertice: i delegati si rivedranno. Putin insiste su Crimea e neutralità. Kiev all’Onu: “Russia sta commettendo crimini di guerra”. Il presidente ucraino firma la domanda per l’ingresso nell’Ue: Bruxelles frena. Martedì l’Europarlamento voterà la “candidabilità”

Aggiornato: 00:43

I fatti più importanti

  • 20:52

    Draghi non partecipa al vertice all’Eliseo per problemi tecnici

    Il presidente Draghi non partecipa al dinner all’Eliseo con Macron, Scholz e Von der Leyen. Lo fanno sapere fonti di Palazzo Chigi, spiegando che dietro al mancato videocollegamento ci sarebbero dei problemi tecnici. Il premier oggi pomeriggio ha avuto una conversazione telefonica, organizzata da parte americana, con G7, Ue e Nato nel corso del quale, secondo quanto si apprende, i leader hanno concordato di mantenere il più stretto coordinamento sugli sviluppi della crisi e le misure da intraprendere.

  • 20:50

    “Missili russi nella regione di Kiev”

    Le forze russe hanno lanciato attacchi missilistici su tre insediamenti urbani nella regione di Kiev, a sud della capitale ucraina. Lo riferiscono media locali, citando i servizi di emergenza statali, secondo cui i centri colpiti sono Vasylkiv, Bila Tserkva e Kalynivka. Nei raid, si aggiunge, “sono stati distrutti un dormitorio e due abitazioni“. I soccorsi faticano a raggiungere le zone colpite a causa dei bombardamenti.

  • 20:23

    Di Maio: “Ucraina nell’Ue? Richiesta legittima”

    La richiesta dell’Ucraina di entrare nell’Ue è “legittima“. Lo ha detto il ministro degli Esteri Luigi Di Maio al Tg1, ricordando che “l’Italia ha sempre sostenuto l’integrità e la sovranità ucraina”. In Ucraina, ha sottolineato, “stanno morendo cittadini europei, donne, bambini e civili che soffrono sotto le bombe russe. Dobbiamo essere dalle loro parte” e condannare i “metodi inaccettabili di Putin”.

  • 20:13

    L’Ucraina ha chiesto a Mosca il ritiro delle truppe

    Ai colloqui con la Russia, l’Ucraina ha chiesto il ritiro completo delle truppe russe dal suo territorio. Lo riferisce Anton Herashchenko, consigliere del ministro degli Interni di Kiev, citato dai media locali. “Abbiamo di fronte una battaglia decisiva, l’esercito è pronto”, ha aggiunto.

  • 19:58

    Raid aereo vicino Kiev dopo fine negoziati: “Forti esplosioni”

    Un raid aereo ha colpito Brovary, vicino a Kiev, poco dopo la fine dei negoziati tra Russia e Ucraina. Lo riferisce il Kyiv Independent citando il sindaco della città a meno di 30 km dalla capitale, Ihor Sapozhko, secondo cui ci sono dei feriti. Alcune forti esplosioni sono state sentite a Kiev e le sirene d’allarme hanno risuonato, segnalando ai residenti che devono recarsi al rifugio più vicino.

  • 19:50

    Salvini: “Ucraina nell’Ue? Bisogna essere cauti”

    “Bisogna essere cauti, prudenti e ragionevoli“: così il leader della Lega Matteo Salvini commenta l’ipotesi di un ingresso dell’Ucraina nell’Unione europea. E aggiunge: “Infatti l’Alto rappresentante dell’Ue per la politica estera ha detto che non è all’ordine del giorno. Tutto quello che avvicina la pace va accelerato, tutto quello che non la avvicina va ben calibrato”.

  • 19:48

    “Ambasciata francese trasferita a Leopoli”

    L’ambasciata di Francia in Ucraina viene trasferita a Leopoli: è quanto scrive il sito internet del giornale francese Libération. Finora, l’ambasciata francese si trovava a Kiev, ma ora “è stata trasferita a Leopoli, nell’ovest del Paese”, precisa il giornale parigino. La capitale è colpita dai bombardamenti dell’esercito russo.

  • 19:37

    Ue, martedì il Parlamento vota per concedere all’Ucraina lo status di candidato

    “Adoperarsi per concedere all’Ucraina lo status di candidato all’Ue, in linea con l’articolo 49 del trattato sull’Unione europea e nel frattempo, continuare a lavorare per la sua integrazione nell’Ue”. Questa la richiesta contenuta nella bozza di risoluzione che sarà discussa e votata domani (martedì) alla plenaria del Parlamento europeo.

  • 19:31

    Primi italiani rientrati con volo da Romania

    I primi italiani hanno fatto ritorno a casa, dopo essere rimasti bloccati a Kiev nei giorni scorsi a causa dell’invasione russa dell’Ucraina. Il regista veronese Matteo Spiazzi, la coreografa Katia Tubini e il suo compagno Cristiano Zanus Fortes hanno fatto rientro in Italia con un volo di linea partito dal confine tra Romania e Moldavia. “Siamo riusciti ad acquistare un volo dal confine della Romania per Verona – racconta Spiazzi all’Ansa – Ne abbiamo approfittato e siamo tornati. Molti altri italiani stanno facendo lo stesso”.

  • 19:30

    Cittadino israeliano ucciso in Ucraina

    Un cittadino israeliano è stato ucciso in Ucraina, a circa 50 chilometri da Kiev. Lo ha annunciato il ministero degli esteri a Gerusalemme senza aggiungere altre informazioni, se non che la famiglia in Israele è stata informata. Secondo la ricostruzione del Jerusalem Post l’uomo di circa 40 anni è stato ucciso da colpi di arma da fuoco mentre cercava di raggiungere un convoglio di autobus diretto verso il confine dell’Ucraina.

Gentile utente ti informiamo che gli articoli 4 e 6 delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori” relativi, in particolare, all’accesso ai contenuti e alle notizie pubblicate sul sito sono state modificati.

Ti invitiamo quindi a prendere visione della nuova versione delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori”, cliccando qui