/ di

Marco Travaglio Marco Travaglio

Marco Travaglio

Direttore de Il Fatto Quotidiano e scrittore

Marco Travaglio ha lavorato con Indro Montanelli, prima a «il Giornale» e poi a «La Voce». Ha collaborato con diverse testate, fra cui «Sette», «Cuore», «Il Messaggero», «Il Giorno», «L’Indipendente», «Il Borghese», «la Repubblica» e «l’Unità». Oggi, oltre a collaborare con «l’Espresso», «MicroMega», «A» e con Servizio pubblico di Michele Santoro, è direttore de «il Fatto Quotidiano», che ha contribuito a fondare nel 2009.

Dopo il successo di Promemoria, Anestesia totale, E’ Stato la mafia, Slurp – Lecchini, Cortigiani & Penne alla Bava, è in scena nei teatri italiani con Perché No, insieme a Giorgia Salari.

È autore di molti libri di successo, tra i quali: L’odore dei soldi (con Elio Veltri, Editori Riuniti 2001), Regime (con Peter Gomez, Rizzoli-Bur 2004), Per chi suona la banana (Garzanti 2008), Colti sul fatto (Garzanti 2010). Per Chiarelettere ha pubblicato: “Mani sporche” (con Pter Gomez e Gianni Barbacetto, 2007), “Se li conosci li eviti” (con Peter Gomez, 2008), “Il bavaglio” (con Peter Gomez e Marco Lillo, 2008), “Italia Annozero“, (con Vauro e Beatrice Borromeo, 2009), “Papi. Uno scandalo politico“, (con Peter Gomez e Marco Lillo, 2009), “Ad personam” (2010), Silenzio, si ruba (dvd+libro, 2011), “Mani pulite. La vera storia vent’anni dopo” (con Gianni Barbacetto e Peter Gomez, 2012), “BerlusMonti(Garzanti, 2012), “L’illusionista. Ascesa e caduta di Umberto Bossi” (con Pino Corrias e Renato Pezzini, Milano, Chiarelettere, 2012), “Viva il Re!(Chiarelettere, 2013), “È Stato la mafia (Chiarelettere, 2014), “Slurp. Dizionario delle lingue italiane” (Chiarelettere, 2015), “Perché NO” (Paper FIRST, 2016),

Articoli Premium di Marco Travaglio

Editoriale - 21 ottobre 2018

Più umiltà, meno balle

Ingenui o sprovveduti o incompetenti o raggirati che siano stati, i 5Stelle salvano la faccia in extremis e soprattutto risparmiano all’Italia l’ennesimo, indecente maxi-condono agli evasori, dopo i tanti targati centrodestra e centrosinistra (anche se il condono, sia pure mini, rimane). Ora però dovrebbero fare qualcosa per evitare che casi del genere si ripetano, modificando […]
Editoriale - 20 ottobre 2018

Contratto o tutti a casa

Com’è ridotta la maggioranza, con la Lega che gioca a fregare i 5Stelle, i 5Stelle che si fanno fregare e il Contratto di governo ridotto a carta straccia da un condono partito mini e arrivato maxi, lo vediamo. Come sono ridotte l’opposizione e l’informazione al seguito, lo leggiamo. Nessuno conosce tutti i particolari del casus […]
Editoriale - 19 ottobre 2018

Manona e condonone

Quando due partiti governano insieme, per un’alleanza politica o per un “contratto” di programma, devono potersi fidare l’uno dell’altro. Se cercano di fregarsi a vicenda, non vanno lontano e a rimetterci non sono soltanto loro, ma i cittadini. Finora l’accordo fra due soggetti umanamente e politicamente diversissimi come Di Maio e Salvini, era parso forte […]
Editoriale - 18 ottobre 2018

Pampers Di Mare

Il bello di quest’Italia senza memoria, dove tutto è presente e il passato non esiste (figurarsi il futuro), è che può succedere di tutto. Nel bene e nel male. Dipende dal caso, o dal culo. Prendiamo la Rai. Nella Prima Repubblica, dopo il lungo monocolore monorete Dc, si passò alle tre reti con la regola […]
Editoriale - 17 ottobre 2018

Quelli che l’Apocalisse

L’Apocalisse è rinviata a data da destinarsi. Persino Mario Draghi, non proprio gialloverde, si dice “ottimista su un compromesso Italia-Ue, ricordando onestamente che sì “ci sono procedure stabilite e accettate da tutti”, sì “ci sono state deviazioni” nella manovra da 2,4% di deficit-Pil, “ma non è la prima volta e non sarà l’ultima”. L’allegro Juncker, […]
Editoriale - 16 ottobre 2018

Attendiamo fiduciosi

Quando avranno finito di lamentarsi (sbagliato) perché i media ce l’hanno con loro e raccontano balle su di loro (vero), i gialloverdi dovrebbero rispondere a una semplice domanda: ma quando invece i giornali dicono la verità, che si fa? La si ignora lo stesso o si replica nel merito (come Conte sui suoi concorsi universitari), […]
Ma mi faccia il piacere - 15 ottobre 2018

Ma mi faccia il piacere

Il Bomba. “Da piccolo volevo fare il giornalista, poi il giornalaio, ma pure il camionista e in alcuni momenti il papa” (Matteo Renzi, Maurizio Costanzo Show, Canale5, 4.10). Poi purtroppo ha fatto il politico. Mimetismo molesto. “Ringrazio la polizia municipale che oggi ha fermato due donne travestite da mimi che molestavano turisti e passanti. Sono […]
Editoriale - 14 ottobre 2018

Monsieur le Paragurù

Quando si è appreso che il nouveau philosophe Bernard-Henri Lévy abbandonava il Corriere per passare a La Stampa, abbiamo immaginato il carnevale di Rio organizzato da redattori, maestranze e lettori di via Solferino. E ci si è stretto il cuore per i colleghi de La Stampa, che di lì in avanti avrebbero dovuto metterne in […]
Editoriale - 13 ottobre 2018

Autorità dipendenti

Avendola difesa dagli assalti di B., di Re Giorgio e di Renzi, siamo felicissimi quando qualcuno cita la Costituzione. E, quando la cita il presidente della Repubblica, siamo entusiasti. Avremmo preferito che la tenesse a mente quando sponsorizzò la controriforma Renzi-Boschi-Verdini, poi rasa al suolo dal popolo italiano, e quando firmò una legge elettorale incostituzionale, […]
Editoriale - 12 ottobre 2018

Libertà di balla

Come denuncia l’autorevole Federazione nazionale della stampa – quella che riuscì a non fare un nanosecondo di sciopero quando la Rai cacciò Biagi, Luttazzi e Santoro per ordine del premier B. e Gabanelli, Giannini e Giletti per volontà del Giglio magico renziano – “è in atto un’aggressione senza precedenti alla libertà di informazione”. Non bastando […]

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×