/ di

Marco Lillo e Valeria Pacelli Marco Lillo e Valeria Pacelli

Marco Lillo e Valeria Pacelli

Giornalisti

Valeria Pacelli
Giornalista
Sono nata nel 1988 a Benevento e dal 2010 mi occupo di giudiziaria, o almeno ci provo. Tutto è iniziato una mattina di settembre, quando mi sono ritrovata a passeggiare tra le stanze tristi e ostili del tribunale di Roma. Pochi minuti dopo una cosa era chiara: tutto quel parlare tra avvocati, forze dell’ordine e imputati era un mare pieno di notizie. Senza che me ne accorgessi, mi sono innamorata – e so esattamente che si tratta di una brutta malattia – di tutto ciò che riguarda carte, faldoni e intercettazioni. Per un anno ho collaborato con il Messaggero e a settembre 2011 sono entrata nella famiglia del Fatto. Marco Lillo poi ha fatto il resto: mi ha insegnato a capire cosa è una notizia e cosa no, ma soprattutto ad andare oltre tutto ciò che le carte di giudiziarie raccontano. Insomma adesso lo so: non credo nell’aldilà, ma nella giustizia, assolutamente si.

Marco Lillo
Giornalista e scrittore
Sono nato a Roma nel 1969. Ho scritto “Il Bavaglio” nel 2008 e “Papi” nel 2009, entrambi con Gomez e Travaglio per Chiare Lettere, e “Reperto Raiot” (venduto con il dvd di Sabina Guzzanti) per Bur. Con Udo Gumpel ho realizzato nel 2010 il dvd “Sotto scacco”, allegato al Fatto Quotidiano, sui rapporti tra mafia e politica, da Capaci al processo Dell’Utri. Nel 2009 mi è stato assegnato il Premio Borsellino. Oggi potevo essere un avvocato tributarista ma nel 1994 ho lasciato lo studio associato dove lavoravo per ripartire dalla scuola di giornalismo. Mi piaceva l’idea di raccontare il mondo. Poi ho scoperto che il mondo è peggiore di come mi era stato raccontato e sono diventato un giornalista investigativo. Dopo 9 anni a L’Espresso nell’estate del 2009 ho cambiato ancora per partecipare alla fondazione del Fatto Quotidiano. In via Orazio c’era una stanza vuota. Grazie ai lettori oggi c’è un grande giornale.

Articoli Premium di Marco Lillo e Valeria Pacelli

Politica - 13 settembre 2018

E Parnasi racconta: “Avevo rapporti con Centemero&C.”

Durante uno dei suoi interrogatori davanti ai pm di Roma, Luca Parnasi, l’imprenditore romano arrestato nell’inchiesta sullo Stadio della Roma lo scorso 13 giugno (ora ai domiciliari), racconta i suoi rapporti con un pezzo da novanta della Lega di Matteo Salvini: Giulio Centemero, il tesoriere del partito. Centemero è anche il presidente della “Più Voci”, […]
Cronaca - 7 settembre 2018

Paolo Berlusconi pagò milioni per un dossier sul giudice Mesiano e la pm Boccassini

Non solo Carlo De Benedetti. Paolo Berlusconi ha pagato milioni di euro per avere informazioni su due magistrati ‘nemici’ del fratello Silvio. Si tratta del pm di Milano Ilda Boccassini (accusa nei processi sulle corruzioni giudiziarie a beneficio delle aziende berlusconiane e poi nel caso Ruby) e del giudice Raimondo Mesiano, che condannò in primo […]
Cronaca - 22 giugno 2018

Inchiesta Stadio, i carabinieri: “Indagare sulla fondazione Pd”

La Procura non vuole fermare la costruzione dello stadio della Roma. “I pm ci hanno assicurato che non ci sono elementi che possano bloccare la procedura dello stadio”, hanno dichiarato i difensori del costruttore Luca Parnasi, arrestato con l’accusa di associazione a delinquere finalizzata alla corruzione. Gli avvocati Emilio Ricci e Giorgio Tamburrini hanno fatto […]
Cronaca - 21 giugno 2018

Mr. Wolf si difende: “Con Raggi parlavo soltanto di Acea”

Luca Lanzalone è un avvocato e lo si capisce da come si sta difendendo dall’accusa di essere stato corrrotto da Luca Parnasi. Per uscire dagli arresti domiciliari deve riuscire a convincere i giudici che – anche se ha accettato le proposte di consulenze da Parnasi – non aveva alcun ruolo e alcun potere pubblico in […]
Cronaca - 20 giugno 2018

Stadio della Roma, Bonafede sentito dai pm prima degli arresti per chiarire la nomina di Lanzalone

Alfonso Bonafede è stato convocato in Procura, per parlare delle cose che Matteo Renzi vorrebbe chiedergli al Senato. Qualche giorno prima che Lanzalone finisse ai domiciliari con l’accusa di essere stato corrotto dal costruttore Luca Parnasi, ben prima che l’ex premier invocasse l’audizione del ministro in Parlamento per spiegare i suoi rapporti con l’avvocato targato […]
Politica - 17 giugno 2018

Stadio della Roma, le email dell’assessore a Lanzalone che provano il suo ruolo di consulente del Campidoglio

Tutta la partita tra la Procura di Roma e Luca Lanzalone si gioca sul ruolo di ‘pubblico ufficiale di fatto’, che è stato attribuito dai magistrati all’avvocato per arrestarlo. Se Lanzalone fosse solo un avvocato, senza la qualifica pubblica, cadrebbe l’accusa di corruzione. Perché senza ruolo non ci sarebbe nemmeno l’asservimento del ruolo, in cambio […]
Politica - 16 giugno 2018

Stadio della Roma, da Parnasi 150 mila euro anche alla Fondazione Pd

I Carabinieri di Roma stanno studiando le telefonate nelle quali Luca Parnasi parla di pagamenti alle Fondazioni o associazioni legate alla politica. Non solo la “Più Voci” presieduta dal tesoriere della Lega Nord Giulio Centemero. Ma anche la Fondazione “Eyu”, presieduta dal tesoriere del Pd Francesco Bonifazi. I Carabinieri del Nucleo Investigativo guidati dal colonnello […]
Cronaca - 15 giugno 2018

Stadio della Roma, Parnasi: “Sto a fa’ il governo” (con Giorgetti e Lanzalone)

Luca Parnasi non è un imprenditore qualunque. È l’immobiliarista romano che discute dell’accordo di governo tra M5s e Lega, ma anche dei ministeri. A casa sua si siedono allo stesso tavolo le due forze politiche vincenti. O almeno così Parnasi – ora in carcere con l’accusa di associazione a delinquere finalizzata a commettere reati contro […]
Cronaca - 1 giugno 2018

Paolo Berlusconi pagò per documenti contro Cdb

Paolo Berlusconi ha pagato per ottenere documenti contro Carlo De Benedetti. Su questa storia che rischia di far tornare in auge le antiche polemiche sulla cosiddetta “macchina del fango” è in corso un’inchiesta della Procura di Roma, che però sta indagando per calunnia su una vicenda molto più ampia. Una cosa è certa: il dossier […]
Italia - 30 marzo 2018

Soffiate in Consip, ancora guai per Lotti: confermate le accuse

Tranquillo e documentato, il grande accusatore conferma ma precisa le sue accuse contro Luca Lotti. L’ex amministratore di Consip, Luigi Marroni, si è presentato alle 17 alla caserma dei Carabinieri del Reparto Operativo in via Inselci a Roma con un taxi. Con sé aveva una cartellina piena di documenti e mail. Riguardavano anche un incontro […]

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×