";

/ di

Fogliazza Fogliazza

Fogliazza

Disegnatore

Mi firmo “Fogliazza”. Sono disegnatore satirico, illustratore, fumettista, storyboarder, autore e interprete teatrale.
Sono sposato e papà di Jacopo e Nicolò.

I miei link:

parmagheddon

www.fogliazza.com

Blog di Fogliazza

Media & Regime - 18 maggio 2018

Lega-M5S, la vera storia del contratto di governo attribuito a Corrado Guzzanti

Alle 9,49 del 12 maggio 2018, Salvo Taranto pubblica sul suo profilo fb la bozza di programma Lega-M5S. Ed è subito spam. Nessuno sa che l’ha scritto lui, qualcuno gli attribuisce doti che Salvo Taranto nemmeno sapeva d’avere, qualcuno preferisce non parlarne. Lo raggiungo al telefono e gli faccio qualche domanda. D – Chi sei veramente? R – Fino a qualche […]
Mondo - 11 maggio 2018

Epidermolisi bollosa, la vita fragile delle ‘farfalle di Gaza’

Sono bambini con una malattia alla pelle dal nome complicato (epidermolisi bollosa), ma che la rende fragile come una vita a Gaza. Sono come tutti i bambini, innocenti, senza colpe e la pelle devastata da troppa fragilità. Gianna Pasini è un’infermiera che si trova a Gaza per un progetto di sostegno. Vede i miei disegni e […]
Politica - 30 aprile 2018

Matteo Renzi, la sinistra spiegata ai miei figli

Vagli a spiegare ai miei figli che “sinistra” aveva un senso sociale, che se Gaber lo spiegasse oggi forse il bagno sarebbe in fondo a… Vagli a dire che giocare a pallone con Matteo Renzi è capace che “la palla è mia e gioca chi dico io“, che da un’amaca la vita è bella. Vagli a dire […]
Media & Regime - 5 aprile 2018

Social e figli, quando il genitore è peggio del progresso

“La colpa è tutta mia” dice Mark Zuckerberg (e Steve Jobs che sognava un mondo felice a colpi di iTizio, iCaio e iPhonio…), a proposito della violazione dei dati che al 98% degli utenti social non frega una cippa. Indignazione virtuale, la privacy è mia me la gestisco io (‘spetta che posto una foto di dove sono e con […]
Cultura - 12 marzo 2018

Tempo di libri e la stessa broda della tv vista dal vivo

Ero a “Tempo di Libri” la Fiera internazionale dell’editoria di Milano, in quell’enormità d’architettura che sembra un alveare in mezzo al deserto, dove il deserto sono gli italiani che leggono sempre meno, che sono pure meno di quelli che scrivono. La prima considerazione va a questo Paese che legge i titoli, se li fa firmare, […]
Elezioni Politiche 2018 - 4 marzo 2018

Quello strano paradosso che si chiama Stato

Sì, paradosso, perché qualcosa non torna, ma sembra una volontà il volerlo ignorare. Il ministro Marco Minniti dice “In Italia il fascismo è morto e sepolto” e il candidato premier di Casapound precisa “Non rinneghiamo il fascismo“. Ma se loro non rinnegano e un ministro smentisce e acconsente, a che serve la Costituzione? E se puoi […]
Società - 8 gennaio 2018

L’insostenibile leggerezza dell’essere (in chat)

I messaggi in chat semplificano la vita, se ci limitiamo allo stretto indispensabile. Ma noi non ci limitiamo e la “distanza” di un messaggio digitato troppo spesso allontana il rapporto umano. Nella classe di mio figlio (quarta elementare) muore (a soli 33 anni) il padre di un compagno: lascia la moglie e due figli. Ma […]
Diritti - 23 dicembre 2017

Mia madre non è razzista, ma

La madre di Paolo legge l’unico quotidiano della città di Parma e guarda la tv, quindi sa come va il mondo: “Sono troppi… come facciamo poi noi? Manderei i delinquenti a casa loro” sono i suoi cavalli di battaglia. Il figlio poco può fare contro tale bombardamento mediatico. Poi succede che un ragazzo africano vada ad abitare […]
Società - 14 dicembre 2017

Sono antifascista, ma i cortei non bastano più

L’antifascismo si ritrova marciando e manifesta tra bandiere (accidenti quante sono quelle con simbolo di partito!): palco, comizio, applausi. L’antifascismo c’è, grande raduno, praticamente un monumento. Ne seguiranno altri. Ma ad esserci son sempre quelli (compresa la politica che una mattina s’è svegliata ed ha trovato l’invasor che non se n’è mai andato). Mah. Perché sarà difficile […]
Società - 26 ottobre 2017

Sussidiario razzista, se vi siete indignati per i ‘clandestini’ non avete visto la copertina

C’è un testo scolastico, per la quinta elementare, che sta diventando tristemente famoso per il suo modo di spiegare i migranti. Mi piace, fino a prova contraria, avere fiducia nella buona fede. Diciamo che non condivido quella descrizione, “clandestini” al posto di “richiedenti asilo“ e penso che l’editore in questione non debba rifiutare il suggerimento che arriva […]
Libertà di stampa nel Mediterraneo, il terrorismo è un alibi per la censura

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×