/ di

Gianfranco Amendola Gianfranco Amendola

Gianfranco Amendola

Ex magistrato, esperto in normativa ambientale

Nato a Roma nel 1942 laureato in giurisprudenza (diritto penale) nel 1965, nel 1967 sono entrato in magistratura, con le funzioni di Pretore a Roma, dove, dal 1970 ho iniziato ad occuparmi di reati contro l’ambiente, istruendo e definendo, fino al 1989, oltre 15.000 processi per reati ambientali.
Dal 1989 al 1994 sono stato parlamentare europeo, e in tale veste vice presidente della commissione per la protezione dell’ambiente, la sanità pubblica e la tutela dei consumatori.
Nel settembre 1994, dopo aver rifiutato la ricandidatura, sono tornato in magistratura con le funzioni di sostituto procuratore presso la Pretura di Roma per i reati ambientali. Nel 2000 sono stato nominato Procuratore aggiunto presso il Tribunale di Roma e, in tale qualità, ho coordinato la sezione ambiente di quell’ufficio.
Dal 2008 sono stato Procuratore della Repubblica a Civitavecchia, fino al pensionamento (dicembre 2015).
Ho ricoperto numerosi incarichi pubblici, partecipando a tutte le vicende che hanno visto nascere ed affermarsi il diritto dell’ambiente in Italia.
Tra le mie inchieste più rilevanti si possono ricordare quella sull’inquinamento atmosferico del centro storico di Roma (che portò alla prima “fascia blu”); quella sulla raffineria di Roma per inquinamento marino (con sequestro del terminale di Fiumicino); quella sulla gratuità dell’accesso al mare sfociata in una disposizione nazionale circa la gratuità dell’accesso alla battigia; quella sul mercurio nel pesce ecc.; quelle sulla discarica di Malagrotta e su Radio Vaticana per inquinamento elettromagnetico e, più di recente, quelle sulla discarica di Cupinoro, sull’oleodotto di Maccarese (con sequestro), sui rifiuti della centrale Enel di Civitavecchia e sull’incendio all’aeroporto di Fiumicino.
Ho collaborato e collaboro per i temi ambientali con diverse testate e riviste. Ho scritto una ventina di libri in tema di normativa ambientale, fra cui In nome del popolo inquinato (Angeli, 7 edizioni dal 1983), i cui diritti di autore ho devoluto a Legambiente. Sono stato presidente della scuola di diritto ambientale del Cervia Ambiente e della Federazione Università verdi. Ho insegnato diritto dell’ambiente in varie sedi, tra cui le Università di Roma, Teramo e Siena e sono stato fra i relatori, con riferimento alla normativa ambientale, dei corsi organizzati dal C.S.M. e dalla Scuola Superiore della Magistratura.
Attualmente sono docente di diritto penale dell’ambiente all’Università La Sapienza di Roma e sono consulente della Commissione bicamerale “ecomafia”.

Blog di Gianfranco Amendola

Giustizia & Impunità - 3 ottobre 2018

Stato di necessità, quando si può infrangere il codice della strada senza prendere multe

Pochi giorni fa su questo blog ho pubblicato un post in cui criticavo una sentenza della Cassazione (civile) relativa alla mancata applicazione dello stato di necessità in un caso in cui un veterinario aveva violato alcune norme del codice della strada per soccorrere un animale gravemente malato. Numerosi lettori de Il Fatto Quotidiano hanno commentato […]
Giustizia & Impunità - 26 settembre 2018

Veterinario infrange il codice della strada per salvare un cane in fin di vita, merita una multa?

Sappiamo tutti che, se, per portare con urgenza un malato o un infortunato grave in ospedale, si infrange qualche articolo del codice della strada, non si è punibili per aver agito in stato di necessità. Ma questo principio vale anche se si tratta della vita non di un uomo ma di un animale? Il caso si […]
Giustizia & Impunità - 29 luglio 2018

Cassazione, è lecito prendere rifiuti dai cassonetti?

Sempre più di frequente si vedono persone rovistare nei cassonetti di rifiuti per cercare e asportare, con sacchi e carrelli, quelli che possono essere riutilizzati o venduti. A prescindere dagli aspetti sociali, si tratta di una condotta lecita? A prima vista, infatti, si può certamente dire che un rifiuto è una cosa che è stata […]
Ambiente & Veleni - 21 giugno 2018

Acque reflue, la Corte Europea ci ha condannato ma la situazione è ben peggiore

L’estate è alle porte e allora forse è il momento di ricordarsi che buona parte del nostro mare non è affatto pulito. Poche settimane fa, la Corte europea di giustizia ha condannato il nostro paese a pagare 25 milioni di euro perché, nonostante un precedente avvertimento del 2012, oltre 70 agglomerati urbani, in violazione della […]
Ambiente & Veleni - 22 maggio 2018

Contratto di governo, a che serve parlare di Ambiente se non lo si tutela

Non voglio sparare sulla Croce Rossa ma francamente, in attesa del nuovo governo, mi sembra il momento giusto per chiedersi se realmente sia utile per gli interessi collettivi continuare a mantenere in vita un ministero dell’Ambiente quale l’attuale. Intendiamoci, non voglio offendere la suscettibilità di alcuno ma, con il massimo rispetto per tutti, mi sembra innegabile […]
Società - 28 aprile 2018

Inquinamento acustico, fino a che ora si può ballare in spiaggia?

Arriva l’estate e con l’estate tornano le polemiche tipiche delle vacanze. Come quella – di cui già ci siamo occupati su queste colonne – che a volte oppone chi di notte si vuole divertire e chi si vuole riposare. E qualche volta finisce davanti ai giudici. Come è successo in Abruzzo l’estate scorsa quando i […]
Ambiente & Veleni - 12 marzo 2018

Green Hill, la Cassazione chiude la vergognosa vicenda dei beagle. Ma non basta

Nessuno potrà mai cancellare la vergogna delle sofferenze inflitte a migliaia di cani beagle detenuti a fini di sperimentazione nell’allevamento di Green Hill. Ma, grazie anche all’impegno delle associazioni animaliste – in primo luogo della LAV – oggi possiamo sperare che fatti simili non si ripeteranno più. Proprio sull’onda dei fatti di Green Hill, infatti, nel 2014 […]
Società - 15 febbraio 2018

Combattimenti tra cani, perché sono una ‘turpe competizione’

Finalmente qualcosa si muove contro i delinquenti che speculano sulle sofferenze degli animali. E’ appena stata pubblicata, infatti, la sentenza della terza sezione penale della Cassazione n. 57850 del 28 dicembre 2017 contro due persone che a Caltanissetta avevano promosso o organizzato un combattimento tra cani e, per questo, erano state condannate, in primo grado, […]
Politica - 18 dicembre 2017

Verdi alleati del Pd? Non basta una lista a far diventare ambientalista Renzi

Molti anni fa si diceva che non tutti gli ambientalisti sono Verdi e non tutti i Verdi sono ambientalisti. Se oggi applichiamo questa massima al Partito democratico di Matteo Renzi e C., la verità è ancora più evidente. Forse nel Pd c’è anche (ancora) qualche ambientalista, ma di certo, se anche (ancora) ci fosse, conterebbe ben […]
Ambiente & Veleni - 2 dicembre 2017

Ilva, in una lotta tra inquinati non ci possono essere vincitori

Molti anni fa, la Cassazione a sezioni unite scrisse che “il bene della salute (…) è assicurato all’uomo come uno e anzi il primo dei diritti fondamentali anche nei confronti dell’autorità pubblica, cui è negato in tal modo il potere di disporre di esso (…). Nessun organo di collettività, neppure di quella generale e del […]
Mimmo Lucano, don Rigoldi: “Anche a me capita di forzare la legge. Unhcr: “Simbolo dell’Italia che accoglie”
Noemi Durini, l’avvocato di Marzo chiede una nuova perizia e l’esclusione della premeditazione. Giovedì la decisione

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×