/ / di

Andrea Scanzi Andrea Scanzi

Andrea Scanzi

Giornalista e scrittore

Nato ad Arezzo nel 1974. Ho firmato l’autobiografia di Roberto Baggio, la biografia di Ivano Fossati, un saggio su Beppe Grillo, due bestsellers sul vino. Premio Nazionale Paolo Borsellino e Premio Lunezia con ‘Gaber se fosse Gaber’, spettacolo da me scritto e interpretato, in tour dal 2011 al 2013. Ne ho scritto un altro, ‘Le cattive strade’, con Giulio Casale: dedicato a Fabrizio De André, è tuttora in tour. A luglio 2012 è stata pubblicata la ristampa di Ve lo do io Beppe Grillo (prefazione di Marco Travaglio), uscito una prima volta nell’aprile 2008. A novembre 2013, per Rizzoli, è uscito Non è tempo per noi (Bur Bestsellers Rizzoli, cinque edizioni). Ad aprile 2015, per Rizzoli, è uscito il mio primo romanzo La vita è un ballo fuoritempo (sei edizioni). Nel novembre 2016 è uscito il mio secondo romanzo, I migliori di noi, Rizzoli (tre edizioni).

Articoli Premium di Andrea Scanzi

Commenti - 24 novembre 2017

Leopolda 2017, i requisiti del perfetto renziano

Ci siamo: è il gran giorno. Oggi comincia la Leopolda 8, imperdibile sin dal nome: “L8”. Per sceglierlo, i renziani hanno preso tre mesi di ferie. Certo, forse non sarà l’edizione migliore. Non ci sarà la regista Simona Ercolani, stranamente non confermata dopo le edizioni precedenti e la gloriosa campagna referendaria del 4 dicembre. Non […]
Politica - 22 novembre 2017

Dibba non ne poteva più, ma per il M5S è un disastro

La decisione di Alessandro Di Battista di non ricandidarsi nel 2018 può stupire solo chi non lo conosce. In realtà era una scelta prevedibilissima. Quasi scontata. I retroscena, che lo vogliono in rottura con Di Maio o refrattario al ruolo di “secondo”, sono deliranti. Molto semplicemente, Di Battista è uno che ama godersi la vita. […]
Italia - 22 novembre 2017

Tavecchio, un addio lisergico: “chapeau”

Le critiche a Carlo Tavecchio sono ingiuste. Soprattutto da un punto di vista dialettico. La sua conferenza di due giorni fa è qualcosa di prodigioso, in equilibrio tra Mastro Geppetto, il Duce e Macario. Tavecchio ci ha regalato squarci indelebili di futurismo. Dopo di lui la lingua italiana non sarà più la stessa. Tavecchio ci […]
Commenti - 21 novembre 2017

Francesco Rutelli, il “non immediato” causa del renzismo

Francesco Rutelli è un uomo felice. È stato vicepresidente del Consiglio e ministro, ha cofondato il Partito democratico europeo, è stato il candidato (sconfitto) del centrosinistra nel 2001. Segretario del Partito Radicale, fondatore dei Verdi Arcobaleno. Due volte sindaco di Roma, Giubileo compreso. Oggi è presidente di Anica. Si è laureato a 63 anni. Ogni […]
Commenti - 16 novembre 2017

Luis Bacalov, addio al pianista del cinema

Ora che se n’è andato a 84 anni, e che tutti ricordano anzitutto il suo Oscar per la colonna sonora de Il Postino di Massimo Troisi, viene da pensare una volta di più a quanto le semplificazioni facciano male: al giornalismo e all’arte, ma più che altro – e quel che è peggio – alla […]
Sport - 14 novembre 2017

E adesso se ne devono andare in molti, a partire dal presidente Carlo Tavecchio

L’Italia si è sempre qualificata ai Mondiali, tranne che nel ’30 (non si iscrisse) e nel ’58 (l’unica eliminazione). Da sempre squadra umorale, incline al tutto e al niente, non ha mai amato le mezze misure. O vinceva, ed è accaduto 4 volte, o faceva pena sin dall’inizio: nel ’66, nel ’74, nel 2010, nel […]
Commenti - 14 novembre 2017

Faraone: renziano fino all’ultima sconfitta (in Sicilia)

Questa rubrica è filosoficamente affascinata dal nulla. Per questo, non di rado, è adusa a ritrarre esponenti di quella corrente di non-pensiero per brevità chiamata “renzismo”. Di tal nobile cerchia fa parte, sin dall’inizio, Davide Faraone. Nato a Palermo nel 1975. Sottosegretario di Stato del ministero di Istruzione, Università e Ricerca nel governo Renzi e […]
Cultura - 12 novembre 2017

Veltroni torna a “Quando” c’era Berlinguer

Più passa il tempo e più Walter Veltroni ricorda quegli artisti famosi per una cosa di particolare successo, magari una canzone. Solo che loro, quegli artisti, credono di aver fatto cose molto più belle di quella lì: di non essere quel che gli altri credono. E allora detestano, o mal sopportano, le continue domande su […]
Politica - 11 novembre 2017

Cacciari e ‘i cani’ che Taverna non capisce

Massimo Cacciari ha sempre quell’aria, giusta e meravigliosa, di chi trova oltremodo inaccettabile l’idea che le Picierno osino respirare la sua stessa aria. Appare in collegamento da luoghi imprecisati, a ribadire come lui sia mera essenza. Un’essenza definitiva e inappellabile, condannata ad avere quasi sempre ragione (il “quasi” è stato votare “sì” il 4 dicembre, […]
Commenti - 7 novembre 2017

La capacità di Fini di buttare al cesso il centrodestra

Quando si osserva la mestizia del centrodestra appena trionfante in Sicilia, un centrodestra drammaticamente identico – o addirittura peggiore – a quello che per vent’anni ha sputtanato questo Paese, sorge la domanda: “Com’è che non possiamo avere un centrodestra normale?”. Ed è qui che tutti, di destra e pure di sinistra, fanno un sospiro per […]

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×