Il colore dell’anno 2023 è il Viva Magenta. A stabilirlo è il team di esperti del Pantone Color Institute. Non rosso, non porpora, non bordeaux. Semplicemente 18-1750 Viva Magenta. Un colore che ispirerà i più noti brand di moda e non solo: dai cosmetici all’arredamento, dagli oggetti tecnologici alle scarpe, questo nuova nuance dominerà le passerelle e le vetrine dell’anno che verrà. “È un colore audace, pieno di spirito e inclusivo per tutti”, fanno sapere sulla pagina ufficiale e aggiungono: “In quest’epoca di tecnologia, cerchiamo di trarre ispirazione dalla natura e da ciò che è reale. PANTONE 18-1750 Viva Magenta discende dalla famiglia dei rossi e si ispira al rosso della cocciniglia, uno dei coloranti più preziosi appartenenti alla famiglia dei coloranti naturali, nonché uno dei più forti e brillanti che il mondo abbia mai conosciuto”.

Leatrice Eiseman, direttrice esecutiva di Pantone Color Institute spiega: “Radicato nel primordiale, PANTONE 18-1750 Viva Magenta ci riconnette alla materia originaria. Invocando le forze della natura, PANTONE 18-1750 Viva Magenta galvanizza il nostro spirito, aiutandoci a costruire la nostra forza interiore. Di conseguenza nasce la necessità di creare uno spazio in cui sentirsi liberi di esplorare ed essere accettati, che sia un universo cibernetico, uno spazio convenzionale o una miscela magica di entrambi. Stiamo creando un mondo dinamico che incoraggia la sperimentazione, che sfrutta il virtuale all’interno del regno fisico e incoraggia il nostro spirito a esplorare possibilità rivoluzionarie”. Pronti a farci travolgere da questo nuovo trend è possibile seguire già da ora il nuovissimo #magentaverse per rimanere sempre aggiornati su tutte le novità più glamour relative al colore dell’anno.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da PANTONE (@pantone)

Articolo Precedente

Il lungo addio a Renato Balestra, lo stilista bon ton. Ovazione nella chiesa di Piazza del Popolo durante i funerali

next
Articolo Successivo

Il caso Balenciaga spiegato bene: le accuse di “propaganda pedofila”, le derive complottiste, il boicottaggio e le scuse di Demna Gvasalia

next