Un tribunale della giunta militare birmana ha condannato oggi l’ex leader Aung San Suu Kyi a sei anni di reclusione “per quattro accuse di corruzione”. A riportarlo è stata il sito di informazione Bloomberg. Dal colpo di Stato militare del febbraio 2021 che ha portato alla deposizione del governo civile guidato da Suu Kyi arrestandola, alla leader birmana sono stati inflitti complessivamente 17 anni di carcere.

Come nei più tradizionali regimi militari, il processo si è svolto a porte chiuse, vietando così l’accesso al pubblico e ai giornalisti, mentre agli stessi legali di Suu Kyi- che sono già pronti a fare ricorso in appello contro la sentenza- è stato proibito di diffondere notizie in merito al caso. In precedenti procedimenti giudiziari a suo carico Aung San Suu Kyi era stata già condannata a 11 anni di carcere fra le altre cose per sedizione e corruzione. Alla base di questa condanna, ci sarebbe il tentativo della giunta militare di tenere la premio Nobel per la Pace fuori dalla competizione elettorale che dovrebbe tenersi l’anno prossimo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Taiwan, la Cina risponde agli Usa dopo la visita di una delegazione del Congresso a Taipei: “Misure ferme a difesa della nostra sovranità”

next
Articolo Successivo

Spagna, 300 vigili del fuoco lottano contro le fiamme in Aragona. 1500 persone evacuate a causa degli incendi

next