Rizzo, Dessì, Ingroia e molti altri hanno depositato questa mattina al Viminale il simbolo di Italia Sovrana e Popolare. “Il nostro obiettivo è stare nelle istituzioni e nelle piazze. Se il dissenso del Paese riesce ad entrare in Parlamento è positivo perché rappresenterà quel 70% degli italiani che è contro la guerra“, ha dichiarato fuori il Viminale dopo aver depositato il simbolo di Italia Sovrana e Popolare. “Noi diciamo no all’invio delle armi in Ucraina e diciamo si al recupero di una politica fatta per i lavoratori”, ha sottolineato Francesco Toscano. “L’obiettivo del 3% è alla nostra portata perché c’è il popolo dell’astensionismo che non si sente rappresentato dalla politica. Noi vogliamo tornare alla Costituzione, ai diritti e alla libertà e perciò possiamo andare ben oltre a quella percentuale”, ha rimarcato Ingroia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni, Cappato presenta il simbolo del suo movimento e si appella a Draghi: “Intervenga per aprire alle firme online per le liste”

next
Articolo Successivo

Ghigliottine, orme di cane, Pinocchi e corna: il bestiario dei simboli elettorali depositati al Viminale (ma che non vedremo sulla scheda)

next