“La sicumera di fermare il tempo – volere l’eterna giovinezza, il benessere illimitato, il potere assoluto – non è solo impossibile, è delirante“. Sono parole di Papa Francesco nell’udienza generale nell’Aula Paolo VI, una delle ultime dedicate al tema della vecchiaia. “La vecchiaia è nobile – ha sottolineato il Pontefice -, non ha bisogno di truccarsi per far vedere la propria nobiltà: forse il trucco viene quando manca nobiltà”. E “il tempo passa, ma questo non è una minaccia, è una promessa”, ha aggiunto. Commentando il Vangelo di Giovanni, il Papa ha osservato che “la vecchiaia è il tempo propizio per la testimonianza commossa e lieta di questa attesa” di “opere più grandi”.

L’anziano e l’anziana sono in attesa, in attesa di un incontro“, ha spiegato, evidenziando che “la vecchiaia è la fase della vita più adatta a diffondere la lieta notizia che la vita è iniziazione per un compimento definitivo. I vecchi sono una promessa, una testimonianza di promessa. E il meglio deve ancora venire, ecco il messaggio del vecchio e della vecchia credenti. Il meglio deve ancora venire. Dio ci conceda una vecchiaia capace di questo!”.

Articolo Precedente

Bignami di Fratelli d’Italia vuole finanziare il taglio del cuneo con i soldi per i più deboli: “Eliminare il reddito di cittadinanza”

next
Articolo Successivo

Cap D’Agde, una notte nel villaggio libertino dove ogni trasgressione estrema è concessa: qui a girare nudi sono anche i nostri nonni

next