Quanti scontrini salati in questa estate 2022. L’ultimo in ordine di tempo arriva direttamente da Mykonos. Quattro drink e qualche frutto di mare sono costati oltre 500 euro a due turisti americani. Al centro della bufera c’è il DK Oyster Bar. “Eravamo a Mykonos, sapevamo che sarebbe stato un conto elevato. 250 euro circa, ecco cosa pensavamo” ha fatto sapere Theodora McCormick a The Sun. Eppure la realtà è stata ben diversa: “Quando abbiamo ricevuto il conto era di circa 500 euro. Mio marito continuava a dire, ‘deve esserci un errore'”. Hanno provato a chiedere spiegazioni sull’importo ma, stando alla versione di Theodora, sono stati immediatamente circondati dai camerieri, “un gruppo di uomini grandi e massicci. Non hanno cameriere donne”. A quel punto alla turista non è rimasto che constatare: “Sono stata truffata, ma sono stata sciocca. Di solito non cado in questi tranelli”.

Il titolare del ristorante, che su TripAdvisor ha diverse recensioni a una stella per motivi simili a quelli lamentati da Theodora, ha fatto sapere: “Purtroppo, tutti noi che lavoriamo nel settore dell’ospitalità siamo stati avvicinati da famigerati ‘influencer’ che invece di guadagnarsi da vivere pubblicizzando prodotti e servizi al loro pubblico, hanno fatto pressioni su alcune aziende per commissioni esorbitanti e pasti gratuiti“. Secondo il titolare “dozzine” di affermazioni “false” analoghe su TripAdvisor affermano che il personale si è rifiutato di fornire un menu con i prezzi. Motivo per cui ha posizionato tre lavagne all’ingresso per assicurarsi che i clienti sappiano quanto andranno a spendere.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pagati per dormire e lavorare in pigiama. La professione letteralmente da sogno esiste: ecco come candidarsi

next