Arriva il maltempo, dopo tanta siccità, e si abbatte sul Trentino-Alto Adige. In Trentino, dove è stata diramata una allerta gialla dalla Protezione civile, una bomba d’acqua si è scatenata sulla val di Fassa, provocando allagamenti in alberghi e case private a Mazzin, Pera, Vigo, Pozza, e altri paesi della zona. Cento persone sono state evacuate per il rischio di smottamenti. Tutti i corpi dei vigili del fuoco sono operativi e anche altri corpi di volontari sono arrivati in zona per dare supporto. La strada statale S48 delle Dolomiti è bloccata in più punti per frane e smottamenti. In particolare, la situazione più critica si è avuta nella zona di Vigo di Fassa, dove una bomba d’acqua ha provocato in breve tempo frane e l’esondazione di alcuni torrenti, come a Fontanazzo e Campestrin, frazioni di Mazzin e San Jan, dove una enorme frana di fango colato ha invaso la strada. Le persone evacuate trascorreranno la notte nel centro della Protezione civile e nelle palestre. In queste ore si sta approntando un Centro operativo dove confluiscono le informazioni raccolte dai tecnici della Provincia di Trento e dai vigili del fuoco che stanno presidiando le zone più critiche in seguito alle forti precipitazioni.

Anche in Alto Adige sono stati decine gli interventi dei vigili del fuoco per la messa in sicurezza di strade e abitazioni, anche per via degli alberi abbattuti dal vento. In val Badia sono caduti oltre novanta litri di pioggia al metro quadro in poco tempo e numerose strade sono chiuse. L’area intorno a San Martino in Badia è stata la più colpita: in un’ora, a partire dalle 17.20, sono caduti quasi cento millimetri di precipitazioni per metro quadro. La situazione meteo è migliorata nella serata e nella nottata è previsto un ulteriore miglioramento. Per sabato, nel corso del pomeriggio e della serata, sono invece previsti e possibili nuovi temporali. Circa mille Vigili del Fuoco, volontari di cinquanta corpi sono in intervento dalle prime ore del pomeriggio: in giornata sono stati registrati più di duecento interventi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vaiolo delle scimmie, al via la vaccinazione in Italia: “Esclusa necessità di campagna di massa”. Lunedì si parte nel Lazio

next
Articolo Successivo

Violento nubifragio in Val di Fassa: smottamenti ed esondazioni dei corsi d’acqua – Video

next