Manuel Bortuzzo nell’occhio del ciclone. Minacce, insulti e intimidazioni alla famiglia hanno sconvolto la serenità del quotidiano e il papà Franco, tramite una foto pubblicata sui social, ha fatto sapere di aver sporto una denuncia formale contro gli haters che si sono accaniti sui suoi cari. “Detto fatto, – ha scritto in un post su Instagram – dopo due mesi di silenzio è ora di finirla. Ricordo che tutti i profili che ho bloccato sono stati salvati e di materiale ce n’è a sufficienza per aprire un fascicolo. Continuerò a segnalare e aggiungere a denuncia; fatevi una ragione di vita e lasciate la nostra in pace. Non vi ha detto il dottore di seguirmi né giudicare ogni nostro avvenimento; trovate la vostra serenità e smettete di nascondervi, fake che non siete altro. La mia famiglia non si tocca”.

Parole sentite e sincere, scagliate contro i detrattori con la forza di chi, per due mesi, ha incassato pugni come un pugile, ma che ora ha deciso di restituire l’odio al mittente. “Cari leoni e leonesse da tastiera, vigliacchi, non permettetevi di nominare mia moglie, che amo, la mia famiglia o i miei cani o qualsiasi cosa mi appartenga; altrimenti aggiungerò al fascicolo aperto le altre carognate. – ha tuonato Franco Bortuzzo – Sono stato in silenzio due mesi a sopportarvi, ora renderete conto ad altri e fatevi una ragione di vita e non entrate nella mia. Curatevi, non azzardatevi mai più a commentare con cose che istigano odio e lasciate gruppi che lo fanno e verranno perseguiti”. Un lungo sfogo, frutto della violenza scatenatasi sui social dopo la fine della relazione tra Manuel, concorrente nell’ultima edizione del Grande Fratello Vip, e la principessa etiope Lulù Selassié. Un amore mai sbocciato veramente sui cui, invece, avevano scommesso numerosi fan, tanto delusi dal comunicato della rottura da creare un gruppo Telegram per ricoprire Bortuzzo di insulti.

Un esempio di coraggio, orgoglio e tenacia. Manuel Bortuzzo, 23 anni e promessa del nuoto italiano, è rimasto coinvolto in un tragico incidente il 3 febbraio del 2019, mentre stava trascorrendo una serata con la fidanzata in un quartiere residenziale di Roma. Il ragazzo è stato gravemente ferito (in una sparatoria) per errore, da due giovani criminali, che lo hanno scambiato per una persona con cui avevano avuto un’accesa discussione in un pub. Si è salvato per miracolo, perdendo, però, l’uso delle gambe. Oggi, soprattutto, grazie all’aiuto della famiglia, ha ripreso in mano le redini della propria vita.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vladimir Luxuria replica al pizzaiolo autore del post omofobo: “Ci rifletta, chi è a posto con la propria sessualità non cova tanto odio verso gay, lesbiche e trans”

next
Articolo Successivo

Lo chef Edgar Núñez si rifiuta di ospitare gratis una modella nel suo ristorante: “Gli influencer sono scrocconi internazionali”

next