Liotti-Incontrada-Giannetta. È questo il tridente d’attacco della fiction Mediaset per la stagione 2022/2023: strizzare l’occhio ai volti pop e alle “storie larghe” è il nuovo corso della serialità del Biscione, pronto a mettere in campo trentatré serate in un anno. Certo, il confronto con la Rai è impietoso, visto che si contano solo sette titoli spalmati in nove mesi ma del resto l’abbuffata da reality è tale che restano spazi risicati e tanto vale puntare sul “poco ma buono”. Con una grande certezza: della fiction Mediaset che fu resta poco, o meglio, non resta niente. Il reset è stato totale, lo sforzo di contemporaneità rispetto alle storie narrate molto forte.

Articolo Precedente

Magalli non farà programmi nella stagione 2022, il pesante sfogo: “La riconoscenza della Rai è leggendaria”

next
Articolo Successivo

Zona Bianca, Mauro Corona sbotta con il conduttore: “Attenzione con me, Brindisi, non deve giocare”. Poi litiga con Sabrina Scampini: “Vi mando a quel Paese”

next