Per combattere la risalita del cuneo salino nel delta del Po, alla centrale di Ponte Molo, in provincia di Rovigo, è entrato in funzione un dissalatore mobile a noleggio. L’impianto, arrivato dalla Spagna, serve a ridurre drasticamente il sale presente nell’acqua del Grande Fiume a causa della perdurante siccità. Un problema che sta mettendo a rischio i raccolti agricoli della zona. La decisione di far ricorso al dissalatore è stata presa da Acquevenete, l’ente gestore degli acquedotti. L’impianto, attivato nella centrale di potabilizzazione di Ponte Molo, che serve circa 5.000 utenze, sarebbe in grado di rendere potabile dai 25 ai 30 litri di acqua al secondo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Siccità, il “cimitero” di barche in secca lungo il Po: in volo sul fiume senz’acqua nel Parmense – Video

next
Articolo Successivo

Siccità, Fontana: “Se non piove, si può andare avanti fino al 10 luglio. Oltre no”. L’allarme dell’Anbi: “Agricoltura a rischio in Lombardia”

next