Mega cuffie nelle orecchie e musica a palla? Smartphone alla mano e giù di Tik Tok e Instagram? No, David Popovici, 17enne rumeno e rivelazione del nuoto ai mondiali di Budapest per rilassarsi studia filosofia: Seneca in particolare.
Da bambino lo chiamavano il Mago: non per i meriti sportivi che già si vedevano per la verità (in Romania vinceva tutto, a Roma agli juniores internazionali pure), ma perché gli piaceva fare giochi di prestigio per intrattenere compagni e genitori prima degli allenamenti. E il mago ha continuato a farlo in Romania, in vasca e fuori: dagli Stati Uniti di fronte a quell’immenso talento hanno provato ad accaparrarselo le migliori università, con borse di studio importantissime ovviamente, ma lui ha sempre rifiutato. Lo hanno paragonato a Thorpe, a Popov, ma il suo idolo è Micheal Phelps: “Come per tutti i ragazzi che fanno nuoto oggi”.
Nuota da che era bambino, per curare la scoliosi, a patto che alla fine degli allenamenti ci si fermasse da…Ikea, già, per la passione di David per le loro torte.
Torte e filosofia dunque…e medaglie, come quelle appena conquistate nei 100 stile e nei 200.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Domeniche Bestiali – Il caldo estivo stimola la rissa facile. Mega-panino in testa all’assistente di gara. E tra i 15enni: ‘Se mi cacci lo ammazzo’

next