Una bambina di cinque anni si è allontanata camminando su una spiaggia affollata di bagnanti, a Torre Annunziata (Napoli), e si è persa. Il suo corpo è stato poi ritrovato al largo dopo oltre due ore di ricerche. Respirava ancora ma era in condizioni molto critiche. È morta in seguito al ricovero nell’ospedale di Castellammare di Stabia.

Quando si è resa conto che la bimba si era allontanata, la madre Mina ha inizio ad urlare il suo nome, Vittoria. Un richiamo che ha allertato immediatamente i presenti negli stabilimenti balneari, in particolare tra il lido Risorgimento e il lido Azzurro dove sostavano la donna e la sua sorellina minore. Qualcuno ha chiamato le forze dell’ordine: sul posto sono arrivati i carabinieri e la Capitaneria di Porto, che ha messo in mare i propri mezzi, supportati dall’attività volontaria di alcuni pescatori. La speranza è sembrata concretizzarsi un paio di ore dopo il primo allarme, quando il corpo della bambina è stato individuato proprio dal personale della Guardia Costiera e da alcuni uomini in mare: Vittoria era ferma – quasi aggrappata – all’altezza di una boa, ancora in vita ma in condizioni considerate disperate. I mezzi di soccorso fatti arrivare in zona l’hanno trasportata fino all’ospedale San Leonardo di Castellammare di Stabia, dove però i sanitari hanno dovuto constatarne la morte.

La Procura di Torre Annunziata ha aperto un’inchiesta, ponendo sotto sequestro la salma in attesa che nei prossimi giorni sul corpo della bambina venga eseguita l’autopsia per chiarire la dinamica del decesso, anche se gli inquirenti – sul caso indagano i carabinieri – sembrano al momento propendere per la tragedia accidentale. Nelle prossime ore saranno sentiti vari testimoni, a cominciare dalla mamma di Vittoria. L’allarme per la scomparsa della piccola era scattato poco dopo le 13, amplificato da un tam-tam sui social, dove era stata diffusa anche una foto della bambina, nella speranza di favorire le ricerche e il suo ritrovamento.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, i dati: 22.104 nuovi casi e altri 60 morti. La discesa dei contagi si è fermata

next
Articolo Successivo

Milano, balzo dei contagi in sette giorni: “È la diffusione di Omicron 5. Il quadro clinico però non è cambiato”

next