Domenica 15 maggio, Natasha Stefanenko è stata ospite di Francesca Fialdini nello studio di Da noi… a ruota libera. La showgirl si è raccontata in una lunga intervista, dove ha parlato della famiglia, dell’amore con il marito Luca Sabbioni e, ovviamente, anche della sua infanzia in Russia, il suo Paese d’origine. A fine chiacchierata, la Stefanenko, con gli occhi lucidi ha voluto spiegare cosa significhi, oggi, essere una donna russa: “È una grande sofferenza. Ogni guerra è un crimine disumano e inaccettabile: la violenza non può risolvere il problema. Questa guerra per me è in famiglia, mia mamma è russa, mio papà bielorusso e i miei bisnonni ucraini, infatti il mio cognome termina in ko, tipico dell’Ucraina. Non c’è differenza per me. Mi sento spezzata, il mio cuore sanguina. Spero che si trovi il prima possibile un accordo di pace”. Stefanenko è contraria alla guerra nel suo Paese, ma ci tiene a precisare che la Russia non è solo violenza: “La Russia è anche cultura, poesia, sport formazione, musica e scienza. Sono orgogliosa di questo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Oggi è un altro giorno, Guillermo Mariotto in lacrime viene consolato da Serena Bortone: “Le mamme ucraine mi hanno distrutto”

next
Articolo Successivo

Pomeriggio 5, parlano i dottori che hanno operato Eva Henger: “L’intervento è durato tre ore, il piede aveva subito una grave deformità”

next