“Sento dire che non bisogna umiliare Putin, ma v’immaginate se Churchill e gli americani avessero detto: ‘Non umiliate Hitler‘? Ma stiamo scherzando? Questi uomini che usano la forza per esprimere i loro desideri, che nel caso di Putin è distruggere l’Ucraina, non si siederanno mai a un tavolo. È impossibile che Zelensky e Putin trattino, perché sarebbe come vedere Churchill e Hitler insieme prima della disfatta della Germania. Non si può trattare coi dittatori, proprio per la loro psicologia”. Così a “In onda” (La7) il filosofo Umberto Galimberti esprime la sua contrarietà alla linea del presidente francese Emmanuel Macron, aggiungendo: “Immaginate se Hitler dopo 2 o 3 anni di guerra si fosse seduto a un tavolo per la pace. Mai sarebbe successo. Loro capiscono solo la vittoria o la sconfitta sul terreno., Quindi, bene l’arrivo delle armi agli ucraini in modo che possano difendere la loro terra”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Energia, Scaroni (ex ad Eni) su La7: “Abbiamo bisogno del gas russo fino al 2025. Nel frattempo dobbiamo investire nelle rinnovabili”

next
Articolo Successivo

Gomez a La7: “Curdi? Una delle più grandi vergogne occidentali. Li abbiamo usati contro l’Isis e poi lasciati alle bombe di Erdogan”

next