A poco più di sei mesi dall’applauso in Senato seguito al voto che ha bloccato l’iter di approvazione, il ddl Zan torna in Parlamento. Scaduta la cosiddetta “tagliola” che impediva di ripresentare il testo prima di sei mesi dalla bocciatura, il disegno di legge contro l’omotransfobia ritorna in Senato. Per rilanciare i temi del ddl Zan, ha preso il via a Milano “Non ci arrendiamo: dalle piazze al Parlamento” il viaggio delle Agorà Democratiche dal nord al sud del Paese con l’obiettivo di arrivare nuovamente alle Camere forti di una proposta condivisa nella società e tra le forze politiche e approvare una legge contro i crimini d’odio efficace. All’evento di Milano era presente il promotore del ddl e deputato del Pd, Alessandro Zan, insieme al sindaco Beppe Sala. In collegamento video invece è intervenuto, tra gli altri, il segretario del Partito democratico Enrico Letta.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Termovalorizzatore Roma, lite Carabetta (M5s)-Delmastro (FdI) a La7: “Non è la soluzione, attivo tra 7 anni”. “Il vostro è un no talebano a tutto”

next
Articolo Successivo

Referendum, Giorgio Gori soccorso “rosso” a Salvini: “Voterò 5 sì”. Anche sulla legge Severino: rivuole i condannati in Parlamento

next