La campagna referendaria è sostanzialmente assente, il destino del quorum appare segnato, i sondaggi vanno malino anche sull’eventuale esito (nel senso che il No è in vantaggio). Ma a venire in soccorso dei quesiti proposti da Radicali e Matteo Salvini è il sindaco di Bergamo Giorgio Gori che annuncia che voterà 5 sì, quindi non solo sulla separazione delle carriere, sulle elezioni per il Csm e sui metodi di valutazione dei magistrati, ma anche all’abrogazione della legge Severino e alla modifica dei criteri per l’applicazione delle misure di custodia cautelari. “Per affermare il valore della presunzione di innocenza e dei diritti della difesa” scrive Gori su Twitter. E Salvini non può fare altro che ringraziare: “Grazie a Giorgio Gori per la sua voglia di cambiare la giustizia. Sì ai referendum!”. Il Pd, partito che esprime il sindaco Gori, ha dato già indicazione di 5 no.

Cosa accadrebbe se vincesse il sì su quei due quesiti referendari? Perché Gori parla di “presunzione di innocenza” e “diritti della difesa“. Nel primo caso si riferisce alla legge Severino. Ma se il concetto di “presunzione di innocenza” può avere una base di ragionamento per la parte che riguarda i sindaci (che vengono sospesi dopo la sentenza di primo grado per reati gravi ed alcuni reati contro la Pubblica amministrazione), non pare granché agganciata per la parte che riguarda i parlamentari che – in forza della legge Severino – decadono quando diventa definitiva la sentenza con pene maggiori a 2 anni sempre per reati gravi come mafia e terrorismo, contro la pubblica amministrazione e non colposi. Come sanno tutti Silvio Berlusconi nel 2013 è decaduto da senatore grazie alla legge Severino, alcuni mesi dopo la condanna definitiva per frode fiscale. Peraltro la legge impedisce anche la candidatura di chi è condannato in via definitiva, con gli stessi criteri.

Quando Gori parla di “diritti della difesa” si riferisce invece alla modifica proposta dal quesito referendario in relazione ai criteri per l’applicazione delle misure cautelari. Attualmente sono pericolo di reiterazione del reato, di fuga o di inquinamento delle prove. Se vincesse il sì verrebbe abrogata la motivazione della possibile reiterazione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ddl Zan, il deputato dem: “Alcuni senatori contrari mi hanno detto di aver cambiato idea”. Sala: “Non è priorità? Così non si approverà mai”

next
Articolo Successivo

Guerra Ucraina-Russia, il M5s chiederà “appena possibile” un voto del Parlamento su invio delle armi e strategia del governo

next