L’indagine del Copasir? Chi l’ha concepita è pronto pronto per la neurodeliri. È il comitato di controllo parlamentare sull’attività dei servizi segreti italiani. E ora si occupano di chi viene invitato alle trasmissioni televisive?”. A dirlo è stato il direttore de il Fatto Quotidiano, Marco Travaglio, ospite di Lilli Gruber a Otto e mezzo, su La7, che ha commentato l’iniziativa del Copasir di avviare un approfondimento “sulla ingerenza straniera e sulla attività di disinformazione – si legge – anche al fine di preservare la libertà e l’autonomia editoriale e informativa da qualsiasi forma di condizionamento, con particolare riferimento al conflitto tra Russia e Ucraina”. “Se nel ’23 ci fosse stato il Copasir – ha proseguito Travaglio – Giulio De Benedetti, grande giornalista ebreo, non avrebbe potuto intervistare Hitler. O Enzo Biagi non avrebbe potuto intervistare Gheddafi. Ma cosa fanno questi parlamentari del Copasir, quasi tutti del Pd, come spendono i soldi che versiamo loro ogni mese?”.

Video La7

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La giornalista putiniana Vityazeva sbotta con Lilli Gruber: “Mi ha invitato per interrompermi?”. “Qui esiste la libertà di stampa e di parola”

next
Articolo Successivo

La7, lite Cappellini-Tarquinio. “Nell’evento pacifista di Santoro Putin mai nominato”. “Falso, sentenzi su parole altrui senza averle ascoltate”

next