Un tribunale della giunta birmana ha condannato la leader dell’opposizione in Myanmar, Aung San Suu Kyi, a cinque anni di carcere per corruzione. L’ex consigliere di Stato birmana, destituita e arrestata dopo la presa di potere dell’esercito nel febbraio 2021, era stata accusata di aver accettato una tangente di 600mila dollari in contanti e lingotti d’oro. La premio Nobel per la pace ha sempre negato di aver commesso questo reato e i suoi legali hanno denunciato il processochiuso al pubblico – come ingiusto e finalizzato a rimuovere la 76enne dalla scena politica. Agli avvocati è stato inoltre impedito di parlare con i media.

Si tratta della prima sentenza relativa a 11 accuse di corruzione che l’ex leader birmana deve affrontare. Ciascuna delle accuse comporta una condanna potenziale a un massimo di 15 anni di reclusione. Solo lo scorso gennaio, era stata punita da un tribunale del Myanmar con quattro anni di carcere con l’accusa di aver importato dei walkie-talkie, per la violazione della legge sulle comunicazioni e per aver violato le regole in merito al contenimento dei contagi da coronavirus. Una condanna di inizio dicembre – per incitamento al dissenso contro i militari e violazione delle misure anti Covid – ammontava a due anni. Non è chiaro se Suu Kyi dovrà scontare la pena in carcere o potrà rimanere agli arresti domiciliari, come le è già accaduto per molti anni in passato, prima della breve parentesi democratica in Myanmar.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Guerra in Ucraina, incendio ed esplosioni in un deposito di munizioni in Russia – Video

next
Articolo Successivo

Singapore, giustiziato un uomo di 34 anni con disabilità psichica: era in carcere dal 2009 per possesso di eroina

next