Airbnb scende in campo per dare il proprio sostegno agli ucraini. Interessate in primis Polonia, Germania, Ungheria e Romania, per offrire supporto nell’accoglienza dei rifugiati all’interno dei loro confini. Ieri 28 febbraio la nota piattaforma di affitti online offrirà in maniera gratuita alloggi a breve termine a 100.000 rifugiati in fuga dall’Ucraina. Questi alloggi saranno finanziati da Airbnb, Inc. e dai donatori del Fondo per i Rifugiati di Airbnb.org, oltre che dalla generosità degli host attraverso Airbnb.org.

Ieri mattina il co-fondatore e CEO di Airbnb Brian Chesky, il co-fondatore di Airbnb e presidente di Airbnb.org Joe Gebbia, e il Chief Strategy Officer e co-fondatore di Airbnb Nathan Blecharczyk, hanno inviato lettere ai leader di tutta Europa per offrire il supporto necessario: “Abbiamo bisogno di aiuto per raggiungere questo obiettivo. Il più grande bisogno che abbiamo è che più persone possano offrire la loro casa nei paesi vicini, tra cui Polonia, Germania, Ungheria e Romania”, hanno annunciato su Twitter inserendo un link dove candidarsi e un altro per sostenere l’iniziativa, con una donazione che aiuti a coprire i costi. La piattaforma lavorerà infatti a stretto contatto con i governi per supportare al meglio le specifiche esigenze di ciascun Paese, mettendo a disposizione anche alloggi a lungo termine. L’annuncio è parte del constante lavoro di Airbnb.org. La scorsa settimana, ad esempio, l’organizzazione ha annunciato di aver offerto un alloggio a 21.300 rifugiati afgani, e fissato il nuovo obiettivo di offrire alloggi temporanei ad altre 20.000 persone provenienti da Afghanistan, Africa, Medio Oriente, Sud e Centro America e altre zone.

L’impegno di questi giorni, dunque, va ad aggiungersi allo sforzo prefissato. “Siamo certi – si legge in una nota – che gli host e i guest di tutto il mondo saranno pronti a fare la loro parte in questo enorme sforzo per aiutare le persone in fuga dall’Ucraina. Nei prossimi giorni, Airbnb e Airbnb.org condivideranno maggiori dettagli su come gli host e tutta la community potranno supportare questa iniziativa, anche offrendo alloggi gratuiti o scontati. Nel frattempo è possibile visitare Airbnb.org per conoscere maggiori dettagli su come offrire alloggi in tempi di crisi”.

E ancora: “Airbnb.org lavorerà direttamente con associazioni no-profit sul campo, responsabili per la prenotazione e il coordinamento dei soggiorni per gli ospiti rifugiati, indipendentemente da nazionalità, razza, etnia o genere”. Infine: “Poiché Airbnb.org lavora per individuare partner diretti in ogni Paese, i rifugiati e richiedenti asilo in fuga dall’Ucraina che necessitano di supporto immediato possono connettersi e visitare le risorse disponibili presso l’Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati”. Gli step da seguire sono stati poi pubblicati su Twitter dallo stesso Brian Chesky.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ucraina, Warner Bros blocca l’uscita di The Batman in Russia. Disney-Pixar bloccano Turning Red

next
Articolo Successivo

Jason Momoa e Lisa Bonet sono tornati insieme: “Quando gli ho detto ‘sì’ mi ha gettato sulle sue spalle come un cavernicolo”

next