FQChart è la media aritmetica settimanale dei sondaggi sulle intenzioni di voto degli italiani in esclusiva per Il Fatto Quotidiano. Concorrono alla media tutti i sondaggi pubblicati dai maggiori istituti demoscopici nella settimana appena conclusa.

Settimana dal 21/2 al 27/2/2022

Nella settimana che ha visto lo scoppio della guerra russo-ucraina gli italiani non sembrano aver prestato molta attenzione alle vicende politiche interne (che pure sono tutt’altro che lineari), riservandosi presumibilmente una maggior riflessione nei prossimi giorni, anche alla luce dell’evolversi del conflitto a est.

I partiti rimangono quasi tutti stabili, fatta eccezione per il mezzo punto guadagnato dai Fratelli d’Italia (20,7%) e quello perso da Azione/+Europa (4,2%). Alla guida della nostra chart c’è sempre il Partito Democratico (21,4%, -0,2), seguito appunto da FdI. Terza, ancora una volta, è la Lega col suo 17,3% (+0,1), seguita dal M5s al 13,6% (-0,1).

Quasi nessuna variazione anche per Forza Italia (8,6%), seguita da Azione & +Europa (in calo, come detto) e dal gruppo, ormai solo simbolico, di sinistra Articolo1/SI, appena sotto il 4% (3,8). È tornato la settimana scorsa il sondaggio Emg, l’unico benevolo con ItaliaViva, a cui attribuisce da un anno percentuali del 4%; di conseguenza la media del partito di Matteo Renzi subisce un boost che lo spinge fino al 2,7%.

Segnali positivi per i Verdi, in crescita in tutte le rilevazioni della settimana scorsa, oggi al 2,4% medio. Cresce anche la quota di elettori indirizzati verso partiti minori (5,3%).

(Fonte: Swg, Tecnè, Demopolis, Emg, Ipsos)

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Guerra all’Ucraina, ecco le parole che avrei voluto sentire nel nostro parlamento

next
Articolo Successivo

Guerra Russia-Ucraina, governo dichiara stato d’emergenza fino al 31 dicembre. Le misure: compensare riduzione gas con carbone o olio

next