di Cristian Giaracuni

Se Omero vivesse tra noi farebbe il quirinalista. E oggi starebbe cantando le gesta del prode e indomito Sergio Mattarella.

Come Omero anche i cosiddetti giornalisti dei giorni nostri creano miti e costruiscono leggende. È quello che nei sette anni appena trascorsi hanno fatto con l’ex e futuro presidente della Repubblica, intorno al quale si è condensata un’aurea di infallibilità inscalfibile. Come e più del Papa, Mattarella non sbaglia mai ed ogni sua mossa è l’inequivocabile tocco taumaturgico che scongiura gli esiti nefasti delle bizze dei partiti.

Oggi, con la rielezione, i redivivi Omero sparsi per la penisola hanno vergato un altro capitolo della Mattarelleide salutando la rielezione del novello Eracle con strepiti di giubilo e sospiri di sollievo per lo scampato pericolo e il ritorno dell’unico vero patriota che immola se stesso sull’altare della patria ferita dall’ennesimo fallimento della politica. Tv e social urlano in coro un perentorio “Grazie Presidente!”. Mentre loro esultano per il lieto fine, io continuo a non capire, davvero, di cosa dovremmo ringraziare Mattarella.

In fondo, a ben vedere, questa situazione imbarazzante e grottesca è figlia soprattutto delle sue stesse discutibili decisioni. E adesso gli tocca semplicemente rimediare ai danni. Mattarella è diventata la solita “unica soluzione possibile” nel momento in cui egli stesso ha deciso di imporre Mario Draghi a Palazzo Chigi, obbligando i partiti con il ricatto della pandemia e dell’emergenza ad una convivenza forzata e innaturale.

Avrebbe potuto utilizzare la sua moral suasion per stabilizzare il governo Conte e neutralizzare le velleità renziane, rispettando l’accordo ancora in essere tra il M5S e i partiti di sinistra, frutto di una volontà parlamentare autonoma. Oppure avrebbe potuto prendere atto dell’esito negativo delle consultazioni e condurre il Paese alle elezioni, che altrove si sono regolarmente svolte anche durante la pandemia. Invece ha voluto fare l’alchimista e imbottigliare il conflitto politico in una molotov pronta ad esplodere proprio in occasione dell’elezione del nuovo capo dello Stato.

Complice la nomina a presidente del Consiglio di un signore smanioso di succedere proprio a Mattarella, l’operazione ha di fatto legato a doppio filo il destino del Governo a quello del Quirinale, due partite che, secondo Costituzione, dovrebbero restare ben separate.

In questa situazione, considerata l’inettitudine dei partiti, ormai lacerati dalla convivenza forzata con i rispettivi avversari, le sue dichiarazioni d’intenti non potevano che cadere nel vuoto.

Avrebbe potuto, davanti al pressing di Draghi e dei partiti ormai senza faccia, avere un ultimo sussulto e dare l’ultima definitiva lezione in difesa di quella Costituzione di cui era e sarà il custode: ribadire la propria indisponibilità ad un secondo mandato per obbligare i partiti a crescere e assumersi le proprie responsabilità di fronte al Paese. Invece, ha fatto come quei genitori che non dicono mai no e poi si lamentano di dover sempre risolvere i disastri dei pargoli e, come già accaduto al suo predecessore Napolitano, anche lui ha finito con il rimangiarsi le solenni promesse fatte davanti al popolo italiano.

E per rimettere insieme i cocci da lui stesso seminati, oggi si imbarca in un’altra forzatura istituzionale che lo issa per altri sette anni al Quirinale. Si spera. Se non deciderà di mollare prima e tenere in caldo il posto per qualcun altro che nel 2023 si sarà liberato da altri impicci.

Mattarella è indubitabilmente persona perbene e tutte le sue scelte sono state certamente mosse da nobili intenzioni, ma, forse, non è stato poi quell’autorità infallibile che tutto sa e tutto aggiusta. E sarebbe forse ora di smetterla con la favola manichea e un po’ ridicola del Mattarella buono e della politica cattiva. Anche le scelte di Mattarella fanno parte della politica e lo spettacolo indecoroso offerto dai partiti anche di quelle scelte è il frutto avvelenato.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’offerta Sostenitore e diventando così parte attiva della nostra community. Tra i post inviati, Peter Gomez e la redazione selezioneranno e pubblicheranno quelli più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Diventare Sostenitore significa anche metterci la faccia, la firma o l’impegno: aderisci alle nostre campagne, pensate perché tu abbia un ruolo attivo! Se vuoi partecipare, al prezzo di “un cappuccino alla settimana” potrai anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione del giovedì – mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee – e accedere al Forum riservato dove discutere e interagire con la redazione. Scopri tutti i vantaggi!

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Silvio Berlusconi dimesso dall’ospedale San Raffaele di Milano dopo otto giorni di ricovero

next