di Luigi Sala

La mia sarà anche una domanda ingenua, tuttavia vorrei porla. Perché i partiti vogliono eleggere un presidente della Repubblica che provenga dalla loro area di riferimento o addirittura faccia parte dei loro iscritti? Mi rispondo (c’è un limite anche all’ingenuità): lo vorrebbero di parte affinché tuteli e favorisca i loro eletti e le loro iniziative e, in prospettiva, approvi dopo eventuali elezioni i loro uomini da nominare ai vari dicasteri ministeriali.

Quindi, in barba all’etica, vogliono un presidente proposto dalle segreterie dei partiti per averne un utile politico e questo è già grave; la persona di alto profilo non deve essere super partes, ma anzi guardare con occhio affettuoso e ammiccante al partito che lo ha proposto e votato… Peggio ancora: il presidente deve possedere una moralità e un’etica elastiche e accomodanti e nasce quindi azzoppato sotto l’aspetto dell’affidabilità e della terzietà.

Le alchimie che determinano l’elezione del presidente della Repubblica sono allora pura coreografia e schiaffo pesante ai dettami della Costituzione. I partiti vogliono una persona sensibile alle loro istanze e un “giudice” prevenuto nell’esame delle leggi che dovranno essere firmate.

Non c’è qualcosa di profondamente sbagliato in questo meccanismo che umilia la democrazia e la irride senza alcun consensus gentium? Si parla di necessari compromessi per scegliere un personaggio di “alto profilo e di specchiata moralità” ma, come si suol dire, se la suonano e se la cantano tra di loro. Il popolo poi è tutto contento se il Presidente dà qualche buffetto ai partiti e si commuove per le gravi difficoltà del paese.

Possibile che in realtà si voglia soltanto vedere un film le cui battute sono sempre scontate e la cui colonna sonora è scritta da personaggi senza alcun senso musicale? Per me Draghi, se vuol fare il presidente, dimostra – a parte il dovizioso curriculum – uno spessore umano ben poco convincente e un’empatia pari alle sue ingessate conferenze stampa, con domande e risposte già scritte (evidente a tutti). Gli italiani intanto tifano per la zuppa o il pan bagnato e si allontanano sempre più dalla politica.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’offerta Sostenitore e diventando così parte attiva della nostra community. Tra i post inviati, Peter Gomez e la redazione selezioneranno e pubblicheranno quelli più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Diventare Sostenitore significa anche metterci la faccia, la firma o l’impegno: aderisci alle nostre campagne, pensate perché tu abbia un ruolo attivo! Se vuoi partecipare, al prezzo di “un cappuccino alla settimana” potrai anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione del giovedì – mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee – e accedere al Forum riservato dove discutere e interagire con la redazione. Scopri tutti i vantaggi!

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Quirinale 2022, Cassese rientra a pranzo e scherza: “Io presidente della Repubblica? Buon appetito…”

next
Articolo Successivo

Quirinale, Cacciari: “Convergeranno su Casini. Piace a destra e a questo residuo di sinistra sgangherata. E sarebbe una vittoria di Renzi”

next