Nudo per sei ore davanti alla troupe nel primo giorno di riprese. È quanto ha dovuto fare Bradley Cooper durante le riprese del film “Nightmare Alley” (La fiera delle Illusioni), diretto da Guillermo del Toro, del quale lui è protagonista. L’attore ha rivelato i dettagli della non facile scena a The Hollywood Reporter durante un episodio del programma ‘Kcrw The Business’.

Nel neo noir di Guillermo del Toro, Cooper interpreta Stanton Carlisle, un giovane uomo ambizioso e carismatico in un’ascesa fulminea verso la fama e la fortuna grazie a un finto spettacolo di lettura delle menti, che ha come protagonista una dubbia chiromante. Nella scena completamente frontale Bradley Cooper è in una vasca da bagno, impegnato in un atto sessuale con il personaggio di Toni Collette (che interpeta Zeena Krumbein).

Entrare nel ruolo non è stato facile per l’attore nominato all’Oscar che ha raccontato di essere diventato amico di Guillermo del Toro. “Il contenuto del film, ciò che stavamo esplorando – ha spiegato Cooper – per farlo in modo reale richiedeva l’essere nudi sia emotivamente che intimamente“, oltre che fisicamente per la scena di sesso.

Per Cooper scegliere di spogliarsi completamente davanti alla telecamera non è stato facile visto che non l’aveva mai fatto in precedenza. “Ricordo di aver letto la sceneggiatura e di aver pensato ‘è per la storia, devi farlo'”, ha raccontato, sottolineando di ricordarsi ancora quel giorno “solo perché sono stato nudo davanti alla troupe per sei ore”. “È stato piuttosto pesante”, ha aggiunto, evidenziando di non essersi mai tirato indietro proprio perché “era per la storia”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

America Latina è altamente imprevedibile e scarnificante. I fratelli registi D’Innocenzo: “Volevamo quasi fare un film muto”

next
Articolo Successivo

Festival di Berlino 2022, l’Italia c’è con Paolo Taviani e Dario Argento. In concorso 18 titoli, sette le anteprime mondiali

next