Sembra davvero il nome del protagonista di un cartone animato, ambientato ‘in fondo al mar’. Ma il tremoctopus esiste davvero. Siamo nel comune di Fasano, Brindisi, ed è lì che è stato avvistato questo cefalopode a metà tra un polpo e una seppia. C’è persino un video realizzato dagli abitanti della zona: il tremoctopus era spiaggiato ed è stato quindi possibile filmarlo. Non solo, anche studiarlo. La creatura vive negli oceani, pur essendoci stati degli avvistamenti anche in Sicilia. Corpo lungo e affusolato ma anche tentacoli, il tremoctopus ha una membrana che si sgonfia e si gonfia formando una specie di mantello e tenendo quindi alla larga i predatori. I ricercatori delle università di Cagliari e di Bari hanno pubblicato uno studio su questo cefalopode, pubblicato sulla rivista scientifica MDPI.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Morta Natasha Simonini, addio allì’icona LGBTQI protagonista dei compleanni di Bambola Star

next
Articolo Successivo

A Vicenza la bottiglia di Amarone più costosa del mondo: due milioni e mezzo di euro

next