“Non hanno avuto rispetto per noi e per i nostri figli. Vedendo festeggiare il capodanno di Rai 1 nell’acciaieria di Terni ho rivissuto tutto il mio dolore”. Rosina Platì è la madre di Giuseppe De Masi, uno dei sette operai morti nel rogo della Thyssenkrupp a Torino nel 2007. “Da quattordici anni non festeggiamo più capodanno” racconta la donna che l’altra sera mentre guardava lo show condotto da Amadeus alle acciaierie di Terni ha provato “amarezza, dolore e rabbia”. Lo stabilimento è stato ceduto a settembre dalla Thyssenkrupp al gruppo italiano Arvedi. “Ma per noi rimarrà sempre legato alla Thyssen” spiega la signora Platì che negli anni ha combattuto in prima linea per avere giustizia insieme alle altre madri. “Non hanno tenuto conto del dolore che avremmo provato nel vedere lo show in quella acciaieria che a Terni ha dato lavoro ma che a Torino ha dato la morte ai nostri figli”. Le vittime di quella tragedia “non sono state ricordate nel corso della serata ma non dobbiamo dimenticarli se vogliamo che non ci siano più morti sul lavoro”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rider ma non solo, in Italia 570mila persone lavorano per piattaforme digitali. L’Inapp: “Per molti è l’unica scelta in assenza di alternative. Il 50% è pagato a cottimo”

next
Articolo Successivo

Napoli, movimento “Disoccupati 7 novembre” e Si Cobas in piazza per tamponi e mascherine gratis

next