A Hong Kong ricordare i fatti di Piazza Tienanmen è illegale. Lo ha deciso una sentenza della giudice Amanda Woodcock nei confronti di tre attivisti pro-democrazia che hanno preso parte alla veglia ‘illegale’ in ricordo della sanguinosa repressione del 1989 a Pechino. Tra questi c’è anche il magnate dei media Jimmy Lai, giudicato colpevole di partecipazione e incitamento all’adesione nel 2020 all’evento nel Porto Profumato. Oltre a Lai, 74enne fondatore del tabloid pro-democrazia Apple Daily, sono coinvolti anche l’ex giornalista Gwyneth Ho e il noto avvocato per i diritti Chow Hang-tung. La presenza di Lai alla conferenza stampa di presentazione dell’evento “è stato un atto deliberato per raccogliere sostegno e pubblicizzare l’assemblea non autorizzata che ne è seguita”, si legge nelle motivazioni della sentenza.

L’anno scorso le autorità di Hong Kong avevano accusato una trentina di persone, tra politici e attivisti pro-democrazia, di aver partecipato alla veglia non autorizzata di commemorazione delle vittime della repressione del 4 giugno, nonostante il divieto della polizia. I tre giudicati colpevoli dalla Corte distrettuale, in attesa della condanna che sarà definita successivamente, sono stati gli unici a contestare le accuse in tribunale, diventando gli ultimi a ricevere il verdetto. In generale, i tre hanno dichiarato di essere andati ad accendere candele a titolo personale e di non aver “incitato” altri a partecipare alla veglia nel Victoria Park. Chow, avvocato di lunga esperienza, si è rappresentato da solo in tribunale, paragonando le sue azioni al “tank man”, la persona che sfidò la colonna di carri armati cinese durante la repressione di Tienanmen diventando un’icona della protesta. La giudice Woodcock ha respinto le sue argomentazioni definendole “insensate. La realtà – ha affermato secondo il resoconto dei media locali – era che qualsiasi intenzione di uscire allo scoperto e di partecipare alla veglia a lume di candela a Victoria Park quella notte era un atto di sfida e di protesta contro la polizia“.

Amnesty International ha descritto i verdetti come l’ultimo “attacco ai diritti, alla libertà di espressione e di riunione” a Hong Kong, affermando che le autorità hanno criminalizzato una “manifestazione pacifica e socialmente distanziata“. Tenute ininterrottamente per trent’anni, le veglie sono state vietate nel 2020 e nel 2021 con la motivazione delle restrizioni anti-pandemiche per combattere il Covid-19 e della sicurezza dopo le proteste pro-democrazia del 2019. In precedenza, 16 politici e attivisti, tra cui Joshua Wong, sono stati condannati da 6 a 10 mesi di carcere per il ruolo avuto nella veglia, con alcune sospensioni di pena. Pechino, invece, ha chiarito quest’anno che non avrebbe più tollerato alcuna commemorazione di Tienanmen nelle due regioni amministrative speciali di Hong Kong e Macao, gli unici due luoghi in Cina in cui era possibile farlo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nuova Zelanda, il tabacco sarà illegale per i più giovani: “Vogliamo evitare che la gente inizi a fumare”. Ecco il piano SmokeFree 2025

next
Articolo Successivo

Berlino, no vax stermina la famiglia e si uccide: aveva falsificato green pass e temeva di essere arrestato e perdere i figli

next