“Andare in Egitto alla Cop27 del 2022 facendo finta di nulla, a me pesa moltissimo. Se dovessi essere ancora ministro, per me sarà un grosso problema. Lo farò presente”. Lo ha detto il ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani, di fronte alle Commissioni Ambiente di Camera e Senato, rispondendo a una domanda della deputata dei Verdi Rossella Muroni sulle vicende Regeni e Zaki. Stando alle parole pronunciate in Commissione però il ministro sembra dimenticare che l’Egitto è uno dei migliori clienti dell’industria bellica italiana e che Leonardo, società per la quale ha lavorato fino al 2021 come responsabile dell’innovazione tecnologica, ha fatto affari proprio vendendo velivoli e forniture militari al regime di Al Sisi

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

E se B. al Colle fosse lo spauracchio per farci digerire una opzione solo appena migliore?

next
Articolo Successivo

Città metropolitane, la Consulta: “Legge Delrio illegittima. Dopo il fallimento del referendum costituzionale serve un riassetto normativo”

next