Forse ci si aspettava qualcosa di più in termini di ascolti (3.598.000 spettatori pari al 17.7% di share) per ‘Carla’ il film diretto da Emanuele Imbucci e in onda ieri 5 dicembre su Rai 1. Con protagonista Alessandra Mastronardi, la pellicola è stata un omaggio a Carla Fracci, l’ètoile italiana più famosa del mondo morta il 27 maggio 2021. Intervistata da Fanpage, l’attrice napoletana che l’ha interpretata ha raccontato: “Quando mi dissero che avrei interpretato io il suo ruolo la prima reazione fu di terrore, incredibile terrore. Avevo molta paura, devo dire la verità. La signora Fracci ha partecipato in prima persona sia alla stesura della sceneggiatura, che alla scelta degli attori, delle location, dei costumi”. Tanta la paura che Mastronardi non ebbe il coraggio di chiederle dei consigli: “Ero nel panico. Le ho solo chiesto che colore voleva che usassi per il suo personaggio. Lei mi disse: ‘La serietà e la forza’ e ho fatto come mi ha detto”.

E poi l’incontro. La prima volta su Zoom, poi dal vivo: “La seconda volta che l’ho incontrata è stata anche l’ultima. Stavamo girando l’ultima scena del film, io indossavo il suo abito dello Schiaccianoci e la sua coroncina. La signora Fracci era lì che guardava i monitor, poi a un certo punto prese una sedia, la portò sul palco e disse: ‘Preferisco stare qua, dove la gente lavora‘. Stava proprio accanto a noi. Ignoravo che stesse già male, non lo aveva detto a nessuno. Pensa che faceva gli esercizi alla sbarra con un carrello dei macchinisti”.

La malattia tenuta nascosta fino all’ultimo e all’improvviso un crollo, il ricovero e poi la morte. “La settimana dopo era programmata la visione del film con lei – ha raccontato Mastronardi -. Non ce l’abbiamo fatta. Che io sappia, ha visto il trailer ed era molto contenta, ma vedere il trailer e vedere il film sono due cose completamente diverse. Però, l’abbraccio che il Maestro Menegatti (Giuseppe, il marito dell’ètoile, ndr) mi ha dato quando ha visto il film alla Scala, è valso per due”. È valso per due, sì. Ma il dolore è stato grande: “Io la vivo così. Lo avevo fatto per lei. Pensare che non lo vedrà mai, mi fa molto male. Ha fatto tanto per la danza, meritava di essere celebrata. Spero le arrivi, ovunque lei sia, l’abbraccio che le mandiamo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Mio padre si è suicidato per la depressione quando avevo 15 anni. Una tristezza che non meritavamo”: le strazianti parole di Morgan a Ballando con le Stelle

next
Articolo Successivo

Sanremo 2022, i Jalisse esclusi ancora dai cantanti in gara: “Sono 25 anni che ci proviamo e veniamo sempre scartati. La famosa ripartenza non è per tutti”. Lo sfogo sui social

next