Le storie dei personaggi famosi, come Adele ad esempio, offrono il pretesto per parlare di problematiche diffuse.

Adele voleva compensare la profonda ferita causata dall’assenza del padre nella sua vita costruendo una famiglia sua, visto che non ne aveva avuta una. Voleva proteggere suo figlio dall’esperienza che lei stessa aveva vissuto. Non esserci riuscita, aver divorziato e “smantellato la vita di mio figlio per la mia” ha generato forti sensi di colpa e attacchi di panico.

Del panico si è parlato in questi giorni e voglio aggiungere qualcosa.

Se è vero che non ci sono segnali premonitori di un attacco di panico, che per definizione è inaspettato e imprevedibile, si può però cogliere un aumento dei fattori di rischio rispetto a esso. Fattori forse utili per la prevenzione o anche solo per rispondere alla domanda: perché un attacco di panico adesso? Perché ora e non prima, o dopo? Cos’è cambiato da altri momenti in cui si è verificato quello stesso segnale fisico che oggi scatena l’ansia intensa e innesca quel senso di allarme, di pericolo, di perdita di controllo?

Spesso, ricostruendo la storia delle persone, si ritrovano, come per Adele, cambiamenti importanti nelle relazioni significative. Non servono anni di terapia per ricostruire una storia di vita e/o i momenti di vita che precedono l’esordio di un sintomo, ma piuttosto un’indagine precisa, che ripercorra la strada a ritroso e raccolga le chiavi di lettura attraverso le quali la persona dà significato all’esperienza.

Unioni, separazioni, perdite possono fare da sfondo all’esordio del panico o comunque di un sintomo. La costruzione, il mantenimento e la rottura di legami significativi sono infatti i momenti della vita in cui l’essere umano è più fragile e vulnerabile, più soggetto alla sofferenza.

Momenti critici e ineludibili nella vita possono indistintamente innescare reazioni disfunzionali (un attacco di panico appunto) o balzi in avanti nel proprio livello di complessità (semplificando molto potremmo dire di maturità). Per progredire nella complessità, un attacco di panico dovrebbe tradursi in emozioni.

Per Adele, ad esempio, potrebbe significare riconoscere ed elaborare il sentimento di fallimento che inevitabilmente accompagna la fine di una relazione, come anche accettare di vedersi più simile ai suoi genitori di quanto effettivamente avrebbe voluto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

In un ecovillaggio la vita è mooolto impegnativa, altro che fricchettoni

next
Articolo Successivo

Caro senatore Monti, parlare di informazione meno democratica mette i brividi

next