“Un anno fa, l’8 novembre dello scorso anno, ero ricoverato in terapia intensiva. E non è una cosa facile da raccontare. E vorrei raccontarla a tutti coloro che lo ‘negano’, bastava venirmi a trovare. Se dieci giorni dopo sono stato giudicato guarito e ancora ‘utilizzabile’ per i prossimi vent’anni, questo lo devo all’organizzazione della Regione Lombardia, alla sua macchina sanitaria e agli uomini e alle donne che ci lavorano“. Così ha detto Gerry Scotti, visibilmente emozionato, durante la presentazione del Premio ‘Lombardia è Ricerca’ tenutosi lunedì 8 novembre al Teatro alla Scala di Milano.

“E visto che siamo alla Scala e che ieri alla ‘Scala del calcio’ – ha proseguito il conduttore – hanno fatto quel bellissimo omaggio a tutto il settore degli ospedali, dei medici e degli infermieri, vi chiedo di alzarvi in piedi e fare un solo grande applauso”. Gerry Scotti ha quindi rivolto un ringraziamento oltre “ai tanti di loro che non ce l’hanno fatta” chiedendo di “ricordare sempre il sacrificio di tutto questo settore“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Maneskin, parlano i Cugini di Campagna: “Palese imitazione dei nostri abiti. Siamo fan ma con la loro musica non faranno la storia”

next
Articolo Successivo

Quarta Repubblica, Salvini replica a Ghali: “Quando il Milan ha segnato mi ha urlato fascista, assassino. Lui e Jake La Furia si facciano una tisana”

next