Un ragazzo cammina lungo il marciapiede con ciabatte bianche ai piedi. È senza calze. Ci sono, forse, 11 gradi. Zoppica. Poi tossisce. Una, due volte. Attraversa la strada a passo lento, scatta il verde e le prime auto suonano il clacson. Lui non ci fa caso, tira dritto e si infila in un centro massaggio cinese con le scritte rosa su sfondo azzurro.
Da viale Molise al Duomo, coi mezzi pubblici, ci vogliono 20-25 minuti. Trenta se va male. Porta Romana è a un tiro di schioppo, eppure siamo in periferia. Periferia sud-est. Quando sui giornali si parla della Milano che verrà – la Milano che corre e che si trasforma – i titoli vanno principalmente allo Scalo Farini, al quartiere Santa Giulia, a Cascina Merlata e all’area ex Expo. Di Calvairate non si parla. Aria di riqualificazione, di rivincita, tra l’enorme deposito Atm e il buco nero accanto alla stazione di Porta Vittoria non la si respira. Eppure qui, alle spalle delle palazzine liberty abbandonate di viale Molise, è previsto uno dei progetti di riconversione più importanti della città. Quello dell’ex Macello.

NUOVI “OCCUPANTI” AL MACAO – La palazzina dell’ex Borsa del Macello è occupata da nove anni da uno dei centri sociali più attivi, dal punto di vista culturale, di Milano. Il Macao. Una sera di fine settembre era in corso un evento pubblico con centinaia di persone, una mostra sull’antirazzismo, quando a un certo punto un gruppo di nordafricani ha fatto irruzione armato di spranghe, machete e coltelli. Panico, minacce, ragazzi feriti e sangue. Il gruppo si è barricato all’interno della struttura e ha inscenato una specie di occupazione; i referenti del Macao hanno chiamato la polizia e quando le volanti sono arrivate al civico 68, gli “intrusi” erano già scappati. Chi erano questi violenti, e cosa volevano dal Macao?
Per capirlo, è sufficiente fare un salto in viale Molise – meglio se di giorno. Qui le aggressioni e gli scippi, nell’ultimo anno, sono aumentati a dismisura. Basta chiacchierare con chi vive il quartiere o dare un’occhiata alla pagina “La loggia di Calvairate”.

“TROPPO PERICOLOSO” -Dalla palazzina abbandonata al civico 66, quella accanto al Macao, escono tre ragazzi coi capelli alla Cristiano Ronaldo. Hanno tra i 20 e i 25 anni, piccoli zaini sulle spalle e un borsello blu a tracolla. Due di loro spingono un monopattino. Qualche metro più avanti, al civico 64, dove fino a un anno e mezzo fa c’era la sede dell’Asl, sono impilati, di fronte all’ingresso, tre-quattro materassi e vestiti alla rinfusa. Un uomo, con un berretto in testa, dorme steso vicino all’ingresso. Escono altri due ragazzi. Stesso taglio di capelli dei primi, sigarette in bocca e occhiali da sole, anche se il sole non c’è. Anche loro hanno un monopattino. “Ma cosa c’è qui? È tutto in rovina”, chiede un signore in pensione. Ha un appuntamento in zona, ma non è della zona. “Stavo per entrare in quell’edificio, meno male che non l’ho fatto”. Anche noi abbiamo chiesto di entrare al Macao. Risposta dei responsabili: “È troppo pericoloso, noi andiamo raramente, il sabato e la domenica, e solo in gruppi di 30-40 persone”. È la verità: la porta è sprangata e Macao ha sospeso tutte le attività. Tra l’8 e il 9 ottobre era prevista una “giornata aperta”, proprio per parlare di quanto sta accadendo al centro sociale, ma niente: è stata rinviata.

IL QUARTIERE LASCIATO A SE STESSO – “È iniziato tutto nel giugno del 2020, quando la Asl se n’è andata – racconta Emanuele Braga, uno dei referenti del collettivo – da quel momento le palazzine intorno a Macao sono state occupate e si è creata un’enorme favelas. Una bidonville composta da centinaia di persone, working poor, rider, lavapiatti, spacciatori. Ci sono anche minori non accompagnati. Per lo più si tratta di stranieri, ma c’è anche qualche italiano. Le condizioni igienico-sanitarie sono pessime, ci sono topi ovunque, immondizia. Al primo piano di una palazzina, per tenere a distanza forze dell’ordine, hanno costruito una barricata con spazzatura e materassi”. Due mesi fa, di notte, iniziano i furti. “Prima al laboratorio di falegnameria – continua Braga – poi in sartoria, nella saletta di registrazione e nel magazzino musicale. Cos’è cambiato rispetto a prima? Abbiamo ospitato una donna con un bambino in fasce, che subiva continue violenze nelle palazzine accanto. Dormiva da noi, le davamo assistenza in attesa che i servizi sociali si attivassero. Il compagno ha iniziato a fare storie, voleva entrare. Glielo abbiamo permesso. Dopo qualche giorno si è portato dietro dei mezzi pusher. Hanno incominciato a conoscere la nostra realtà, da lì i furti, poi l’episodio di fine settembre”. Quando, in pratica, gli occupanti sono stati “occupati”. “Ma noi non vogliamo colpevolizzarli oltremodo – precisa Braga – ciò che vediamo è il risultato di politiche del lavoro inesistenti, di un diritto alla casa che non esiste. È una conseguenza prevedibile che le persone che vivono in quel contesto si diano al narcotraffico. E alla violenza”.

INVESTIMENTI ALL’EX MACELLO E PROGETTI “A PERDERE” – Il paradosso è che sull’ex Macello verranno fatti investimenti milionari. Sulle palazzine liberty che confinano con l’ex Macello, invece, no. Il 23 luglio il Comune di Milano ha presentato il progetto vincitore (ARIA) di Redo Sgr, che si è aggiudicato il bando di Reinventing Cities: 18mila metri quadrati di parco, 60mila metri quadrati di social housing, scuole dell’infanzia, uffici, uno studentato, negozi e la nuova sede dello Ied (Istituto europeo di design). Per le palazzine occupate, però, l’asta è andata deserta. “Ma chi è il matto che le prende?”, si chiede Alessandro Verri, per cinque anni consigliere del Municipio 4 e oggi, a 26 anni, capogruppo della Lega in Consiglio comunale. “La base d’asta partiva da 12 milioni di euro e per 20 anni c’era il vincolo dell’affitto. In più andrebbero ristrutturate nel rispetto delle regole della Sovrintendenza. È un progetto a perdere, chi è disposto a fare un investimento del genere?”. Giovedì scorso Verri ha presentato una mozione, a Palazzo Marino, per chiedere lo sgombero dei civici 64, 66 70. Non del Macao: “Il problema non sono loro. Rappresentano un presidio, durante la pandemia hanno aiutato il quartiere. Dopodiché è vero che fanno attività illegali e occupano quello stabile senza averne diritto”. Verri, in pratica, vuole sapere dal sindaco Giuseppe Sala cosa intenda fare l’amministrazione con le palazzine abbandonate (Macao compreso). Contestualmente, in Municipio 4, sempre la Lega chiederà che gli edifici vengano dati in concessione a realtà – ancora da individuare – del terzo settore.

SGOMBERO? – La polizia – e l’Arma – hanno intensificato i controlli nell’area nell’ultimo anno nel tentativo di ridurre la microcriminalità. Da parte loro, da quello che si apprende, c’è grande attenzione. Ma la sensazione è che finché non arriverà la prima ruspa per il cantiere dell’ex Macello, la situazione non cambierà. “Il problema è che non si sa quando ciò avverrà”, dice Verri. Intanto, per evitare nuovi agguati con spranghe e coltelli, dal Macao hanno cercato di aprire un canale coi nuovi “vicini”. “Dialogare con loro? Ci proviamo. Finché non spaccano le bottiglie e ce le lanciano contro”.

Twitter: @albmarzocchi
Mail: a.marzocchi@ilfattoquotidiano.it

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Covid, Locatelli: “Entro Natale vaccino Pfizer ai bambini dai 5 agli 11 anni”

next
Articolo Successivo

Figliuolo spinge per il vaccino ai bambini: “Probabile allargamento alla fascia 5-11 anni”. E Locatelli: “Ragionevole il via entro Natale”

next