Il 15 ottobre sono stati emanati 7 bandi del Piano Nazionale Ripresa e Resilienza (Pnrr) da parte del Mite (Ministero Transizione Ecologica) per un totale di 2,1 miliardi di euro. Essi riguardano interventi per 1,5 miliardi per la gestione dei rifiuti, indirizzati a gestori di raccolta rifiuti e ai comuni, e 600 milioni sempre nello stesso ambito rivolti ad aziende private del trattamento Rifiuti Elettrici ed Elettronici, riciclo carta-cartone, plastica e tessili. Sono esclusi progetti di incenerimento, combustione di rifiuti nei cementifici (Combustibile Solido Secondario) e comunque impianti di trattamento residui urbani residui.

Nonostante questa precisazione indotta dall’Ue, però, anche se in modo soft, sono previsti finanziamenti per impianti di produzione di metanolo/etanolo/idrogeno da rifiuti secondo i processi waste to fuel (riciclo chimico), che invece l’Europa esclude proprio per quanto viene detto in premessa dei bandi stessi, in quanto rientrano negli interventi a rischio di compromettere lo sviluppo dell’Economia Circolare (non arrecare significativo rischio – do not significant harm).

Viene da chiederci perché questa “schizofrenia” che ancora una volta potrebbe suonare come un assist a pezzi e/o pezzettini di industria sporca? Beh, vedremo come neutralizzare questo tentativo di regalo a partire dal riempire tutte le caselle di richieste di finanziamento con vere buone pratiche rivolte alla promozione dei dieci passi verso Rifiuti Zero (piattaforme per la riparazione e riuso, smontaggio riparazione dei Raee e recupero di metalli di pregio – terre rare, rame, alluminio ecc. – diffusione a tappeto delle raccolte porta a porta integrate con isole ecologiche anche mobili).

Per questo ci preoccupa l’altro “scivolone” contenuto nei bandi relativo a circa 350 milioni di euro stanziati per finanziare il miglioramento e meccanizzazione della raccolta dei rifiuti facendo anche ricorso ai cosiddetti “cassonetti intelligenti” o a tessera. È bene fare chiarezza su questa deriva truccata atta ad indebolire lo sviluppo di raccolte differenziate efficaci ed efficienti. Questi cassonetti sono una fregatura! Costano tantissimo (se interrati arrivano a costare oltre 3 mila euro cadauno!), statisticamente inducono livelli di raccolta differenziata mediamente più bassi del porta a porta, attirano rifiuti all’esterno attraverso conferimenti “pirata” provocando costi elevati di spazzamento, richiedono per la loro complessità tecnologica elevati costi di manutenzione, sottraggono spazio pubblico degradando lo spazio urbano a causa dei frequenti abbandoni ma soprattutto presentano livelli merceologici dei materiali intercettati pessimi.

Io stesso in vari sopralluoghi svolti a Firenze, Grosseto, Arezzo e Montevarchi ho collezionato foto che immortalano una frazione organica fortemente contaminata con materiali estranei di ogni genere che contrastano (anche per carta, plastiche ecc.) con i livelli di purezza merceologica giustamente pretesi e remunerati dal sistema del ritiro Conai (Consorzio Nazionale degli Imballaggi).

Ricordo in proposito che i target europei obbligatoriamente da raggiungere non sono più rivolti alle percentuali di raccolta differenziata ma ai livelli di riciclo dimostrati e nel caso dei ribattezzati “cassonetti deficienti” questi presentano livelli di impurità che travalicano anche il 20%. Inoltre in questo modo ancora una volta gli ingenti finanziamenti finirebbero alla tecnologia anziché al lavoro vivo che invece è uno dei motivi per cui si dovrebbe puntare sul porta a porta (Pap). Infatti le statistiche ci dicono che con il Pap ogni mille abitanti serviti si ricorre ad un nuovo posto di lavoro. Con il Pap le impurità di carta-cartone e frazioni organiche sono sotto il 3% (così come per il vetro) mentre pur essendo più elevate nelle plastiche-metalli consentono comunque buone remunerazioni dal citato sistema Conai.

I comuni e i gestori chiedano lo sviluppo del porta a porta integrato con sistemi mobili di isole ecologiche nei centri storici. Per questo chiediamo a tutti i 330 comuni italiani che aderiscono al protocollo Rifiuti Zero di rafforzare i loro sistemi di intercettazione qualitativa dei materiali sottraendosi dal gioco-giogo delle multiutility di sempre. Zero Waste Italy sarà in prima linea nel fare in modo che i soldi vengano spesi bene a favore dell’ambiente e dell’economia circolare, come vuole l’Ue, e di nuovi livelli occupazionali e di impresa locali (con piattaforme di riciclo, compostaggio, di smontaggio e recupero-riuso).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Addio alla plastica? L’Italia rinvia, gli altri accelerano. In Francia vietati imballaggi per frutta e verdura dal 2022, in Spagna dal 2023. E la Germania vara il riuso

next
Articolo Successivo

Contro sprechi e crescita economica a oltranza: ecco come cambiare i nostri sistemi alimentari

next