È stata la prima donna a dirigere nel tempio wagneriano di Bayreuth e ora è la prima donna chiamata alla testa di una Fondazione lirico-sinfonica italiana. È Oksana Lyniv, 43 anni, nominata direttore musicale del Teatro Comunale di Bologna, con un incarico della durata di tre anni a partire da gennaio 2022 che prevede almeno due opere e due concerti per ogni stagione. Proprio a Bologna, con l’Orchestra del Comunale, Lyniv ha debuttato in Italia lo scorso marzo con un concerto a porte chiuse in Sala Bibiena, diffuso in streaming, ed è tornata successivamente a maggio per dirigere un concerto wagneriano con il pubblico all’Auditorium Manzoni.

Nella stagione 2022 la direttrice ucraina sarà impegnata con due opere, di cui una in forma di concerto, e tre concerti sinfonici. Inoltre, il suo primo impegno nella veste di direttore musicale la vedrà sul podio al Manzoni il 14 e il 15 gennaio per un’anteprima della nuova stagione. In programma il primo atto della Walküre (La Valchiria) di Richard Wagner, proposto in forma di concerto, e il poema sinfonico Tod und Verklärung (Morte e trasfigurazione) op. 24 di Richard Strauss.

Tra i direttori e le direttrici più interessanti della sua generazione, Oksana Lyniv nasce a Brody in Ucraina. Vincitrice degli Opera! Awards 2020 (Germania) e nominata agli ‘International Opera Awards 2020 nella categoria Best Conductor, quest’anno è stata la prima donna a salire sul podio del Festival di Bayreuth, che ha inaugurato con Der fliegende Holländer. Tra i vari incarichi per quattro anni è stata assistente di Kirill Petrenko alla Bayerische Staatsoper di Monaco, dove dirige diverse opere tra cui la Traviata, Lucia di Lammermoor, Lady Macbeth. Dal 2016 al 2019 è stata direttrice musicale stabile all’Opernhaus di Graz. In primavera ha debuttato in Italia dirigendo il concerto Mozart e Schumann al Teatro Comunale di Bologna (tornando poi all’Auditorium Manzoni di Bologna per un concerto wagneriano) e Wagner e Cajkovskij all’Opera di Roma.

Foto in alto: Teatro Comunale Bologna

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Alluvione del Polesine, 70 anni dopo: dal primo disastro del Dopoguerra alla gara di solidarietà che mise d’accordo Usa e Urss (e Bartali e Coppi)

next
Articolo Successivo

Salone del Libro di Torino, gli incontri di Amazon per parlare di self-publishing

next