“Il miglior esempio che posso continuare a dare agli altri malati di cancro e al mondo esterno che non ha il cancro è mostrare loro che aspetto ha un malato di tumore. Possiamo lavorare“. A dirlo a gran voce, dalle pagine di Variety, è Shannen Doherty, la Brenda di Beverly Hills 90210, che ha colto l’occasione della presentazione del suo ultimo film “List of a Lifetime” per spiegare al mondo come anche le persone malate di cancro possano lavorare e avere una vita “normale”. Nella pellicola, uscita nei giorni scorsi, l’attrice interpreta proprio una donna che come lei lotta contro un cancro al seno: “Per quanto mi riguarda, sto solo cercando di vivere al massimo delle mie possibilità, per essere il miglior esempio in questo momento”, ha spiegato.

Nonostante tutto però, l’attrice ha rivelato che è stato difficile per lei trovare qualcuno che la facesse lavorare: “Ma un cancro al quarto stadio, non significa la fine della vita, al contrario. Per questo voglio dimostrare a Hollywood che le persone con il cancro possono lavorare”. A conferma di come le sue non siano solo parole c’è il fatto che quest’anno ha girato tre film: “Prove Mortali”, “Fortress” e, appunto, “List of a Lifetime“. Shannen Doherty, 50 anni, combatte contro il cancro dal 2015 e racconta la sua battaglia su Instagram: il cancro può essere curato ma dovrà convivere con questa malattia per tutta la vita.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Grande Fratello Vip, problemi di salute per Manuel Bortuzzo: “Situazione costantemente monitorata da un medico”

next
Articolo Successivo

Firenze, al Museo Novecento apre la prima pasticceria crudista. Lo chef Vito Cortese: “Non utilizzo uova, farina, latte e zucchero e non c’è cottura. Ecco come faccio”

next