“Kristen è in ospedale a lottare per la sua vita contro il Covid e la polmonite. Per favore, non arrenderti”. Questo il messaggio di Cassie, sorella di Kristen Lowery, 40 anni.

Kristen ha contratto il coronavirus lo scorso settembre e non ce l’ha fatta. La notizia della sua morte, data la scorsa settimana dalla piattaforma GoFundMe (sulla quale la famiglia ha avviato una raccolta fondi per il funerale, ndr), sta ora facendo il giro del web. Perché Lowery era una convinta no vax. Non solo, era contro ogni strumento di prevenzione: “senza museruola“, diceva riferendosi alla mascherina.

“Ex pro-vaccini, mi fidavo, ora non più”, portava scritto su una t-shirt. Siamo a Lowery, da Escalon, California. La 40enne era molto attiva sul territorio per promuovere campagne contro i vaccini. Mamma di quattro figli, si descriveva sui social come una “mamma per la libertà” e proprio la sua pagina Facebook è stata resa privata dopo la morte per evitare l’ondata di commenti di chi faceva presente quanto siano importanti vaccini e prevenzioni. Come riporta 7News alcune schermate sono finite su Reddit: “Perché la gente non si rende conto quanto è importante che tutti si vaccinino?”, si legge.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Benzinaio chiede al cliente di indossare la mascherina: lui va a casa a prendere il fucile poi torna e lo uccide

next
Articolo Successivo

Passeggera si sente male a bordo, il pilota fa un atterraggio di emergenza ma lei muore poco dopo

next