Tale e Quale Show” torna per l’undicesimo anno consecutivo su Rai Uno, in prima serata ogni venerdì con alla conduzione Carlo Conti. Confermata la presenza del pubblico in studio con 173 spettatori e Carlo Conti, durante la presentazione alla stampa, ha presentato alcune piccole novità sullo show che sarà “all’insegna della leggerezza e della spensieratezza, di cui c’è tanto bisogno”.

Otto le puntate totali e anche in questa nuova edizione ci sarà poi uno spin-off, quando entrerà in scena il Torneo con i migliori Artisti della passata edizione. Per la prima puntata Alba Parietti farà Loredana Bertè, Stefania Orlando sarà Lady Gaga, Francesca Alotta sarà Emma, Federica Nargi sarà Elettra Lamborghini, Simone Montedoro diventerà De Gregori. Biagio Izzo si cimenterà con “Bongo Cha Cha Cha”, Ciro Priello sarà Stash dei The Kolors, Pierpaolo Pretelli avrà il volto di Ricky Martin, i Gemelli di Guidonia diventeranno Fedez, Achille Lauro e Orietta Berti e Dennis Fantina farà Eros Ramazzotti. Infine Deborah Johnson sarà Donna Summer. “L’indicazione era quella di non fare i più i cantanti di colore, – ha spiegato Conti – a me sembrava una grande ingiustizia. Allora per interpretare una persone di colore abbiamo una concorrente di colore. Non si parlerà più di black-face. Noi mettiamo rispetto nell’interpretare gli artisti. Così come abbiamo usato rispetto quando abbiamo interpretato altre etnie. Sarebbe stato ghettizzante non rappresentare la musica black e così abbiamo utilizzato questa soluzione”.

Quest’anno dedichiamo questa edizione dello show a Raffaella Carrà. – ha continuato il conduttore -. Vorrei che fosse l’edizione della leggerezza e del divertimento. Non a caso abbiamo voluto un quarto giudice speciale, un grande imitatore. Per la prima puntata ci sarà un Vittorio Sgarbi molto speciale. Tra le novità anche la preferenza social e alle fine i tre più votati avranno rispettivamente 5, 3 e 1 punto”.

COLETTA: “HO STUDIATO STAR IN THE STAR, MI HA INFASTIDITO”

“Sono pacifico nella vita e nel lavoro ma confesso che mi ha infastidito la partenza coeva di ‘Star in The Star’ con ‘Tale e quale show’”. Il direttore di Rai Uno Stefano Coletta non le manda certo a dire e durante la presentazione alla stampa del programma ha detto: “Appena letta la notizia sui giornali ho approfondito la questione. Ho cercato di capire di cosa si trattava. Mi sento di dire che ormai nella produzione di format ci sono tantissime assonanze. Sicuramente ha delle stretta affinità con Il Cantante Mascherato perché utilizza la maschera. Però penso anche nella mia lunga storia autoriale che i programmi si possono valutare soltanto quando li vediamo. Un programma è fatto anche da una dinamica che avviene in studio. Penso che ci siano analogie e differenze. Invoco sempre una correttezza di tutti noi e mi auguro che anzi sia un traino per Tale e Quale”. Carlo Conti ha provato a chiudere l’argomento: “Mi occupo del mio orticello, penso a Tale e Quale sperando di farlo al meglio. C’è grande spazio in televisione, quello che conta è la scelta del telespettatore che col telecomando decide. Saremo con la Settimana Enigmistica, vantiamo il maggior numero di interpretazioni (ride, ndr)”. Elegantemente Loretta Goggi sul finale ha detto: “Non si imita chi non ha personalità”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Carlo Conti: “Tale e Quale accusato di blackface ma è più ghettizzante non poter far interpretare cantanti di colore”

next
Articolo Successivo

Grande Fratello Vip, Jo Squillo si racconta a FQMagazine: si commuove fino a riattaccare il telefono, poi richiama

next