La richiesta di esibire il Green pass da parte dei soggetti incaricati del controllo non viola la privacy ed è legittima. Lo ha stabilito il Consiglio di Stato, che – pronunciandosi in sede cautelare – ha ribadito la validità e l’efficacia delle disposizioni attuative dettate dal Dpcm del 17 giugno 2021. Il massimo organo della giustizia amministrativa ha confermato una precedente decisione del Tar del Lazio, respingendo il ricorso di quattro cittadini non vaccinati, secondo i quali il pass comporta un pregiudizio della riservatezza sanitaria, in contrasto con la disciplina europea sulla protezione dei dati (Gdpr).

La decisione cautelare ha rilevato che, non essendo stata dimostrata l’attualità del pregiudizio lamentato dai ricorrenti, restando salva la libera autodeterminazione dei cittadini che scelgono di non vaccinarsi, risulta prevalente l’interesse pubblico all’attuazione delle misure disposte attraverso l’impiego del pass, anche considerando la sua finalità di progressiva ripresa delle attività economiche e sociali. In ogni caso – precisa il Consiglio di Stato – in sede di merito il Tar potrà approfondire le questioni relative alla disciplina europea in materia di dati sanitari.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Max Leitner, arrestato il “re delle evasioni”: era riuscito a scappare di prigione cinque volte

next
Articolo Successivo

Referendum Cannabis legale, il punto stampa sulla raccolta firme con Magi (+Europa) e Cappato (Associazione Coscioni): la diretta tv

next