Un’altra aggressione a un rider di una nota società di delivery è avvenuta questa notte nel napoletano, in via Lepanto, nel quartiere di Fuorigrotta. È successo poco dopo l’una e mezza domenica 5 settembre: una baby gang ha inseguito e accerchiato il rider di 26 anni che stava effettuando una consegna. Senza motivo il gruppo si è accanito contro il giovane lavoratore prendendolo a calci, pugni e colpi di casco. Il 26enne è riuscito a fuggire e chiedere aiuto all’ospedale San Paolo, dove è stato curato e dichiarato guaribile in 21 giorni.

Il rider, per paura di possibili ritorsioni, non ha voluto sporgere denuncia ma il personale sanitario ha avvertito i carabinieri di Bagnoli che sono comunque riusciti a ricostruire quanto accaduto grazie alle immagini delle videocamere di sorveglianza. Hanno, così, identificato due minorenni della baby gang: si tratta di un 15enne ed un 17enne denunciati per concorso in lesioni personali. Continuano le indagini, invece, per identificare gli altri appartenenti al gruppo aggressore.

Non si tratta del primo caso. Infatti lo scorso luglio sono stati condannati i due maggiorenni che a gennaio avevano aggredito un rider armati di coltello e pistola per rubargli lo scooter. L’uomo aveva tentato di reagire, ma era stato minacciato e poi pestato. I due maggiorenni sono stati condannati a dieci anni di carcere. Per il giudice aveva agito con una ferocia inaudita.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Manifestazione dei “no green pass” a Milano: circa mille persone sfilano per le vie del centro al grido di “non sono vaccini, ma sieri assassini”

next