Si chiama “Una scatola per il Grattacielo” l’iniziativa nata sui social per aiutare le tante famiglie rimaste senza casa dopo il terribile incendio del grattacielo Torre dei Moro, bruciato domenica scorsa a Milano. L’idea è stata di Simona Carettoni, residente a pochi passi dal luogo in cui le fiamme hanno distrutte l’edificio: “Ho pensato a quello di cui potevano avere bisogno quelle persone e ho scritto un post su Facebook chiedendo di raccogliere, per cominciare, abiti e generi per l’igiene personale. Ho provato a parlare con le famiglie coinvolte per capire con esattezza di cosa potessero aver bisogno e in poco tempo abbiamo iniziato a ricevere decine e decine di scatole che ora affollano il mio ufficio”. Gli aiuti stanno arrivando da tutta Italia e l’iniziativa con il passare delle ore sta ricevendo sempre più contributi e condivisioni

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Incendio Milano, Pm: falle nel sistema di sicurezza. I condomini: “Abbiamo iniziato a sentire puzza di bruciato, ma nessun allarme ha suonato”

next
Articolo Successivo

Oltre il 70% degli italiani over 12 è vaccinato. Figliuolo centra il suo obiettivo (cambiandolo), ma restano ancora fuori 3,8 milioni di over 50

next