Cristiano Ronaldo ha detto addio alla Juventus. Stamattina il calciatore è andato alla Continassa solamente per salutare un’ultima volta i compagni di squadra, l’allenatore e lo staff. Proprio Massimiliano Allegri nella conferenza stampa pre Juve-Empoli ha dichiarato: “Ieri Cristiano Ronaldo mi ha comunicato che non ha intenzione di rimanere alla Juventus: ecco perché stamattina non si è allenato e non sarà convocato”. Negli stessi minuti il portoghese saliva su un aereo e lasciava definitivamente Torino: direzione Lisbona, per rispondere alla convocazione del Portogallo. Il futuro invece è un ritorno al passato: il Manchester United.

A fine giornata Ronaldo ha scritto un lungo messaggio in inglese rivolto ai “tiffosi bianconeri” (sic), corredato da un video celebrativo con un secondo errore grammaticale (grazzie a tutti, grazzie Juventus). Il suo messaggio da addio: “Oggi lascio un club fantastico, il più grande d’Italia e sicuramente uno dei più grandi di tutta Europa. Ho dato il mio cuore e la mia anima per la Juventus e amerò sempre la città di Torino fino ai miei ultimi giorni. I “tiffosi bianconeri” mi hanno sempre rispettato e ho cercato di ringraziare quel rispetto lottando per loro in ogni partita, in ogni stagione, in ogni competizione. Alla fine, possiamo tutti guardare indietro e realizzare che abbiamo ottenuto grandi cose, non tutto quello che volevamo, ma comunque abbiamo scritto una bella storia insieme”, scrive Ronaldo. Poi riporta alcuni versi dell’inno bianconero e conclude: “Sarò sempre uno di voi. Ora fai parte della mia storia, come sento di essere parte della tua. Italia, Juve, Torino, tiffosi bianconeri, sarete sempre nel mio cuore“.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Cristiano Ronaldo (@cristiano)

Il suo manager, Jorge Mendes, giovedì mattina aveva incontrato la società bianconera e comunicato le volontà del suo assistito. “La panchina di Udine non ha pesato sulla sua scelta, non credo. Sabato scorso mi aveva detto che sarebbe rimasto, poi è cambiata la situazione per il mercato. E’ tutto molto semplice”, ha detto ancora Allegri. “Io nella vita non mi meraviglio più di niente, stamattina ha salutato anche i compagni”, ha proseguito il tecnico bianconero. La visita di Ronaldo alla Continassa è durata pochi minuti, poi l’attaccante portoghese è partito dall’aeroporto di Caselle a bordo del suo jet privato.

Il sostituto – Cristiano Ronaldo ha disputato 134 partite ufficiali con la maglia bianconera, segnando 101 gol e vincendo 2 scudetti, una Coppa Italia e 2 Supercoppe. “Io non mi meraviglio di niente, nel calcio c’è il mercato e ci sono le esigenze dei singoli. Bisogna solo guardare avanti, domani c’è una gara importante come quella con l’Empoli. Ora dobbiamo pensare solo a fare risultati”, dice Allegri. La Juventus però dovrà anche tornare sul mercato per trovare un sostituto: in passato si era tanto parlato di Mauro Icardi, ma ora il nome più gettonato è quello di Moise Kean, che all’Everton non è gradito e potrebbe tornare a vestire la maglia bianconera.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sorteggi Champions League, ecco i gironi: l’Inter pesca il Real, la Juve col Chelsea, per il Milan Liverpool e Atletico. Atalanta-United

next
Articolo Successivo

Bebe Vio d’oro nel fioretto alle Paralimpiadi: “Ad aprile ho avuto un’infezione, la prima diagnosi era la morte entro poco”

next