È scomparso lo scorso 27 luglio Gianni Nazzaro, aveva 72 anni e da tempo era stato colpito da un tumore ai polmoni. Il cantante napoletano, diventato famoso negli anni 70, era alle prese con gravi problemi economici, come rivelato dalla moglie Nada Ovcina, anche sua manager e ufficio stampa. Difficoltà che hanno reso difficile l’organizzazione dei funerali: “Quando Gianni ritornò da me, dopo la sua disastrosa unione con un’altra donna, aveva accumulato milioni di debiti e in seguito ha lavorato pochissimo. Di conseguenza siamo rimasti con i conti in rosso, come è successo a molti altri artisti. Ma in questo disastro oggi ho avuto il conforto di scoprire quante persone volevano bene a mio marito”, ha dichiarato a Nuovo.

I funerali sono stati organizzati e pagati da personaggi famosi, amici di Gianni. Ovcina ha fatto nomi e cognomi, ringraziando pubblicamente Maurizio Costanzo, Pippo Franco, Lino Banfi, Sandro Giacobbe, Martufello e Paola Delli Colli: “Mi hanno aiutato concretamente a dargli una sepoltura dignitosa. Pinuccio Pirazzoli, direttore d’orchestra Rai, ha pagato la sua cremazione e anche gli orchestrali di Gianni, pur non essendo ricchi, mi hanno dimostrato solidarietà.”

Nazzaro aveva scoperto la malattia nel 2020, pochi giorni prima della sua scomparsa aveva sposato nuovamente Nada in una stanza del Policlinico Gemelli di Roma: “Lui e io eravamo divorziati e ogni tanto progettavamo di risposarci. Quando le sue condizioni si sono irrimediabilmente aggravate, Gianni mi ha chiesto di diventare sua moglie. Un matrimonio in extremis, celebrato alle tre del mattino in una stanza di ospedale. Ma mi ha regalato un attimo di felicità: l’ultimo, purtroppo, che rende il nostro legame eterno e indistruttibile”, aveva dichiarato la moglie al settimanale Nuovo.

Negli ultimi anni l’artista napoletano era quasi scomparso dal piccolo schermo, nel 2014 aveva partecipato a Tale e Quale Show, oltre a qualche ospitata negli anni nei contenitori del daytime. Si era sentito emarginato ingiustamente del mondo dello spettacolo: “Sono sicura che questo tarlo abbia contribuito alla sua fine, spingendolo a fumare sempre di più per calmare i nervi e distruggendo le sue difese immunitarie”, ha concluso la moglie di Nazzaro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ambra Angiolini risponde all’offesa: “Come fai a toccare un viscido come Allegri?”. Ecco cosa ha replicato

next
Articolo Successivo

Per Chiara Ferragni “un giro d’affari di 20 milioni di euro nel 2020”: ecco cosa ‘trascina’ il suo impero

next