La situazione è fluida. Ci sono stati intensi combattimenti e ci vorrà tempo per renderci conto dell’entità dei bisogni umanitari“. Così Robert Mardini, direttore generale del Comitato Internazionale della Croce Rossa, che da anni opera anche in Afghanistan. La Croce Rossa, ha specificato, “è determinata a rimanere al fianco delle comunità per aiutarle” ma, secondo il direttore, “ci vorranno decenni di aiuti”. La dimostrazione viene dal lavoro incessante che la Croce Rossa ancora svolgeva sul posto, “di riabilitazione fisica” con l’assistenza a “diversi feriti dei passati conflitti”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Afghanistan, un susseguirsi di atroci fallimenti

next
Articolo Successivo

Covid, la Nuova Zelanda torna in lockdown per tre giorni dopo un unico caso (il primo dopo mesi)

next