Sinisa Kojic, camionista 54enne di origini bosniache, è stato trovato morto nel piazzale della Panizzolo Autotrasporti a Carmignano di Brenta (Padova). L’uomo è stato trovato riverso a terra senza vita, mentre stava effettuando il lavaggio dell’autocisterna di un articolato. Aveva la testa sopra il cordolo che delimita il binario della sezione dedicata al lavaggio e tutto fa pensare che si tratti di un malore e che cadendo abbia sbattuto il capo sul tubo di acciaio.

Da un primo esame fatto sul corpo del lavoratore dal medico legale di turno, è emersa una frattura della teca cranica che sarebbe avvenuta nel momento in cui è caduto a terra. Il 54enne stava pulendo il camion, non si trovava sulla sommità del mezzo ma era a terra vicino a una lancia per il lavaggio. Non si esclude che abbia avuto un infarto ma saranno gli esami autoptici a dipanare ogni dubbio. Sul posto il pm di turno Marco Brusegan, i carabinieri e i tecnici dello Spisal.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Inps, non pagare i lavoratori in quarantena è una marachella che ricorda Ovidio: vedere ciò che è meglio e scegliere il peggio

next
Articolo Successivo

Grafica Veneta, sotto indagine per sfruttamento, dice no all’assunzione dei lavoratori schiavizzati. Ignorato l’appello del Papa

next